Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Colpito da una malattia rarissima, un 13enne salvato al Meyer di Firenze

Colpito da una malattia rarissima, un 13enne salvato al Meyer di Firenze

Affetto da dermatomiosite giovanile con una complicanza, rischiava la vita

FIRENZE, 12 gennaio 2024, 14:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Colpito da malattia rarissima autoimmune, un 13enne è stato salvato all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze.  Il ragazzino era arrivato all'ospedale fiorentino in condizioni disperate, spiega una nota. Affetto da dermatomiosite giovanile, che nella letteratura scientifica mondiale vede solo altri sette casi di bambini e adolescenti affetti, il 13enne ha sviluppato rapidamente una complicanza a rischio vita, la capillary leak syndrome: rara condizione caratterizzata da episodi ricorrenti di ipotensione, emoconcentrazione e ipoproteinemia. I suoi capillari avevano perso la capacità di trattenere i liquidi, che si erano così riversati nello spazio interstiziale dell'organismo. L'adolescente aveva così accumulato, in un breve arco di tempo, ben 15 chili di liquidi.

 Per i medici del Meyer non è stato facile riuscire a risolvere la situazione acuta, dopo venti giorni di terapia intensiva e un lungo percorso terapeutico, un 13enne ha potuto fare ritorno a casa, di nuovo in salute.

 Il caso del ragazzo è stato preso in carico dall'equipe guidata dal professor Gabriele Simonini, responsabile della Reumatologia pediatrica dell'Aou Meyer Irccs. Data la rarità della patologia, la diagnosi si è rivelata particolarmente complessa. Anche perché per individuare la malattia, non esistono dei marcatori che, con un esame del sangue, permettono ai medici di fare chiarezza. Solo la valutazione clinica e una successiva biopsia di conferma possono risolvere il "giallo". Il caso è stato descritto in letteratura medica. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza