Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Gaslini primo impianto elettrodi intracerebrali in epilettico

Al Gaslini primo impianto elettrodi intracerebrali in epilettico

Nobili, "fondamentale per pazienti che non reagiscono a farmaci"

GENOVA, 27 novembre 2023, 12:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

È una tecnica particolarmente innovativa quella messa in atto all'ospedale Gaslini di Genova dove è stato realizzato il primo impianto di elettrodi intracerebrali in un bambino affetto da epilessia farmaco-resistente e, in queste ore, si sta procedendo a un secondo intervento. Una tecnica realizzata da un equipe multidisciplinare dell'Istituto pediatrico che apre nuove prospettive diagnostiche e terapeutiche per pazienti con problematiche complesse. L'obiettivo, infatti, è quello di migliorare le condizioni di pazienti che soffrono di crisi epilettiche "focali" grazie a un impianto di elettrodi intracerebrali, secondo la metodologia stereotassica.
    "L'intervento estremamente complesso risulta fondamentale con pazienti affetti da epilessia focale che non reagiscono alla terapia farmacologica - spiega Lino Nobili, responsabile Neuropsichiatria del Gaslini -: permette di ottenere indicazioni precise per la prosecuzione dell'iter terapeutico altrimenti non individuabili". "Grazie all'innovativo impianto, siamo riusciti a registrare l'origine delle crisi e così finalmente a guarire il bambino - aggiunge Gianluca Piatelli, responsabile di Neurochirurgia dell'Istituto pediatrico - in diversi casi gli elettrodi vengono impiegati direttamente al fine di consentire la "coagulazione" di piccole porzioni di tessuto cerebrale, realizzando lesioni limitate e molto precise che possono portare già esse stesse alla soppressione degli episodi critici. Con questa metodologia si è potuto intervenire immediatamente sul paziente che è già stato dimesso". Il risultato è frutto della stretta collaborazione tra diversi settori specialistici dell'ospedale. L'intervento è stato svolto da un'equipe di neurochirughi, neurofisiologi, neuropsichiatri infantili, neurologi, neuroradiologi, tecnici di neurofisiopatologia, neurorianimatori, infermieri e anestesisti dell'Istituto.
    "L'introduzione della metodica ci qualifica a tutti gli effetti come Centro di Terzo livello in ambito internazionale - conclude Renato Botti, dg del Gaslini - siamo orgogliosi di aver intrapreso il primo passo lungo questa strada, che auspichiamo possa aprire nuove frontiere anche nella ricerca nell'ambito dell'epilessia".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza