Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Barbie in una Rsa diventa terapia per i malati di Alzheimer

Barbie in una Rsa diventa terapia per i malati di Alzheimer

Gli operatori: "Reazione sorprendente" con la bambola iconica

ROMA, 04 ottobre 2023, 18:49

Redazione ANSA

ANSACheck

Ci giocavano sognando la vita da adulte, oggi tornano a farlo ricordando quella da ragazze. Accade nella Rsa San Raffaele di Campi Salentina (Lecce) dove gli operatori della struttura, sulla scia del fenomeno Barbie, ne hanno regalato alcune ad un gruppo di pazienti con Alzheimer.

"La reazione è stata sorprendente - rileva Irene Patruno, educatrice professionale della residenza, spiegando che "nell'ambito del laboratorio di Doll Therapy alle pazienti del nucleo Alzheimer è stata data la possibilità di scegliere con quale bambola giocare tra le diverse presenti. Giocare con le Barbie non era e non sarà mai uguale a giocare con le altre bambole anzi, chi giocava con le Barbie spesso non giocava affatto con altre bambole".

Le pazienti che l'hanno scelta, diffidenti nel corso delle sedute precedenti, avevano senza dubbio un trascorso personale legato alla bambola più famosa al mondo tant'è che hanno preso a rapportarcisi come se non avessero mai smesso di farlo, improvvisando acconciature, cambi d'abito e dialoghi forse mai davvero dimenticati.

"La Doll therapy, o terapia della bambola, rientra nei cosiddetti interventi non farmacologici utilizzati nel trattamento delle demenze - aggiunge Maria Giovanna Pezzuto, psicologa della Rsa salentina - il contatto visivo e corporeo, la manipolazione tattile e il dialogo con la bambola possono stimolare i processi cognitivi e la memoria, facilitare il dialogo, la capacità relazionale, il rilassamento e i processi emozionali, diminuire i disturbi comportamentali e del sonno, l'irritabilità e il senso di depressione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza