Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Demenza, l'apparecchio acustico potrebbe ritardare esordio

Demenza, l'apparecchio acustico potrebbe ritardare esordio

Frena declino funzioni mentali persone a rischio

ROMA, 18 luglio 2023, 09:53

Redazione ANSA

ANSACheck

Demenza, l 'apparecchio acustico potrebbe ritardare esordio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Demenza, l 'apparecchio acustico potrebbe ritardare esordio - RIPRODUZIONE RISERVATA
Demenza, l 'apparecchio acustico potrebbe ritardare esordio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli apparecchi acustici possono ridurre il declino cognitivo negli anziani potenzialmente ritardando, in chi è ad alto rischio, l'esordio della demenza: lo rivela il primo trial clinico sul tema i cui risultati sono pubblicati su The Lancet. Diretto da Frank Lin della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, lo studio è stato presentato alla conferenza sull'Alzheimer. La perdita dell'udito legata all'età è estremamente comune e colpisce due terzi degli over-60 a livello globale, ma meno di un individuo su dieci con perdita dell'udito nei Paesi a basso e medio reddito e meno di tre su dieci nei Paesi ricchi utilizzano attualmente apparecchi acustici.

Studi passati ma solo osservazionali hanno riscontrato un minor rischio di demenza per chi usa apparecchi acustici ma questo è il primo trial clinico sul tema. Nello studio sono state incluse due distinte popolazioni, una a più alto rischio di declino cognitivo e una di volontari sani, tutti di età compresa tra i 70 e gli 84 anni. A una parte del campione sono stati forniti gli apparecchi acustici nell'ambito dello studio (gruppo di intervento). Il campione è stato seguito per 3 anni confrontando il declino cognitivo tra il gruppo che utilizzava apparecchi acustici e quello che non li utilizzava.

Si è visto che per le persone a maggior rischio di declino cognitivo, il peggioramento delle funzioni mentali nei tre anni era inferiore del 48% tra coloro cui erano stati dati apparecchi acustici rispetto al gruppo di controllo che non aveva ricevuto apparecchi. I risultati sottolineano l'importanza di trattare la perdita dell'udito nelle popolazioni più anziane come potenziale modo per ridurre l'onere globale della demenza. Lo studio mostra che il trattamento dell'ipoacusia protegge dal declino cognitivo gli adulti anziani a maggior rischio di demenza.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza