Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Vogliamo la pace? Investiamo nell'istruzione

Vogliamo la pace? Investiamo nell'istruzione

Una ricerca per la Giornata internazionale dell'educazione conferma il legame

24 gennaio 2024, 14:33

Redazione ANSA

ANSACheck

Bambini a lezione @ Global partnership for education - RIPRODUZIONE RISERVATA

Bambini a lezione @ Global partnership for education -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Bambini a lezione @ Global partnership for education - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il legame tra l'istruzione e la pace è confermato dai risultati di una ricerca della Global Partnership for Education (GPE) e dell'Institute for Economics and Peace di Sydney (IEP) diffusi in occasione della Giornata internazionale dell'educazione il 24 gennaio. Paesi con tassi di completamento della scuola primaria più elevati sono in generale più pacifici. Al contrario, i Paesi che godono di alti livelli di pace hanno tassi di completamento della scuola secondaria del 99%. D'altro canto, i Paesi che soffrono di bassi livelli di pace (presenza di conflitti, guerre civili ecc.) hanno in media tassi di completamento della scuola secondaria solo del 52%.
 I Paesi con alti livelli di istruzione godono di una maggiore stabilità sociale e politica complessiva, mentre è vero anche il contrario: i Paesi con bassi livelli di istruzione tendono a sperimentare una maggiore frequenza e intensità di conflitti interni. In altre parole, un migliore rendimento scolastico può ridurre la gravità e la durata della violenza sociale e salvare vite umane.
 I miglioramenti degli indicatori di pace sono dovuti a maggiori investimenti nell'istruzione. I Paesi che investono di più nell'istruzione godono di livelli più elevati di pace. Ad esempio, nel 2020, la Namibia, uno dei Paesi più pacifici dell'Africa, aveva il sesto tasso più alto di investimenti governativi nell'istruzione a livello globale in percentuale del PIL.
Mentre gli impatti disastrosi dei conflitti sull'istruzione sono ampiamente riconosciuti, la ricerca sul rapporto reciproco tra pace e istruzione è sempre stata scarsa, o comunque obsoleta. Per colmare questa lacuna di conoscenza e fornire prove per guidare politiche valide, il GPE ha collaborato con l'IEP per analizzare e comprendere meglio il rapporto tra istruzione e pace.
L'ultimo decennio è stato segnato da conflitti, crisi e guerre letali. In tutto il mondo, le guerre continuano a mietere vittime, a sfollare i civili dalle loro case e a lasciarne molti altri che hanno un bisogno disperato di assistenza salva-vita. È urgente ricostruire le fondamenta che possano sostenere una pace duratura. Eppure troppo spesso una delle più cruciali, l'istruzione, è relegata a un’attività accessoria. Investire nell'istruzione è essenziale per la costruzione della pace

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza