Carcere: Dap-Sapienza insieme per diritto allo studio

Potenziamento azioni studenti sottoposti a misure restrittive

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 14 MAR - È stato firmato oggi l'accordo di collaborazione tra il Polo universitario penitenziario Sapienza, il Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria e il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale della Regione Lazio.
    L'accordo, sottoscritto dalla rettrice Antonella Polimeni, dal Garante regionale delle persone private della libertà Stefano Anastasia e dal Provveditore regionale dell'Amministrazione penitenziaria Carmelo Cantone, servirà a potenziare le azioni in favore degli studenti universitari sottoposti a misure restrittive della libertà personale.
    Grazie a questo protocollo, di durata triennale, i detenuti che si iscriveranno alla Sapienza riceveranno gratuitamente i libri di testo e il materiale didattico necessario alla preparazione degli esami: un apposito protocollo tra Garante e DiSCo Lazio prevede, infatti, che l'Ente regionale per il diritto allo studio fornisca il materiale didattico alle biblioteche penitenziarie, ed esonera i detenuti studenti dal pagamento delle tasse universitarie per la parte di competenza regionale.
    L'Università, invece, potrà ricevere i contributi regionali per il tutoraggio degli studenti detenuti, strumento fondamentale per mantenere il contatto tra Ateneo e Istituto di pena ma, soprattutto, per raggiungere gli studenti reclusi e orientarli in itinere nel loro percorso universitario.
    "Lo studio è una straordinaria opportunità per le persone detenute - afferma la rettrice Antonella Polimeni - ma spesso ci si si arriva con difficoltà, a volte al termine di un lungo percorso, che porta le persone a completare in detenzione interi cicli di istruzione.
    Sapienza sta potenziando i suoi sforzi per stare vicino a questi studenti, per seguire le loro carriere universitarie. Il Protocollo di oggi, oltre a essere il primo importante atto di collaborazione interistituzionale del neonato Polo universitario penitenziario Sapienza, è un importante passo in tale direzione".
    Il protocollo servirà a potenziare le azioni già messe in campo dall'Ateneo: a Rebibbia Nuovo Complesso da molti anni c'è una sala studio dedicata ai detenuti iscritti ai corsi di Sapienza e una piccola biblioteca universitaria alimentata da testi periodicamente donati dall'Ateneo, dove i detenuti possono anche incontrare i tutor e i docenti.
    Inoltre l'Università si è attivata con la direzione di Rebibbia Nuovo Complesso e con il Provveditore Regionale dell'Amministrazione penitenziaria per dotare questa sala di un collegamento internet che permetterà agli studenti - da postazioni che saranno donate da Sapienza - di accedere al portale di Ateneo e a tutti i servizi offerti dal portale (banche dati, pagine moodle dei corsi e degli insegnamenti, bacheche dei docenti, servizi amministrativi) e di avere lezioni e ricevimenti a distanza. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA