Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Governi, 'Pharma e cosmetica paghino per depurare le acque'

Governi, 'Pharma e cosmetica paghino per depurare le acque'

Posizione che accomuna i ministri, il Pe e la Commissione

21 ottobre 2023, 18:22

Redazione ANSA

ANSACheck

Consiglio, pharma e cosmetica paghino per depurare le acque - RIPRODUZIONE RISERVATA

I produttori di medicinali e di cosmetici dovranno contribuire finanziariamente alla rimozione dei microinquinanti dalle acque di scarico urbane. E’ la proposta dei ministri Ue dell’ambiente nel processo di riforma della direttiva sulle acque reflue urbane. Il principio “chi inquina paga” applicato alla depurazione è uno dei punti della direttiva che trova d’accordo Consiglio, Commissione europea ed Europarlamento, anche se le tre istituzioni lo declinano in tempi diversi: dal 2035 per esecutivo ed Eurocamera, dal 2045 per gli Stati.

Secondo il testo adottato dal Consiglio l’obbligo di raccolta delle acque di scarico urbane va previsto per centri a partire da 1.250 abitanti dal 2035, con trattamento secondario (rifiuti organici) dalla stessa data. La Commissione propone che le nuove regole si applichino ai centri da 1.000 abitanti dal 2031 e l’Europarlamento ad agglomerati da 750 abitanti dal 2032. Oggi, gli standard comuni di scarico e depurazione si applicano da 2.000 abitanti.

Per i ministri, il trattamento terziario (rimozione di fosforo e azoto) dovrebbe essere obbligatorio solo dal 2045, per agglomerati grandi (più di 150mila di popolazione equivalente) e per quelli più piccoli a rischio eutrofizzazione delle acque. Il trattamento delle acque di quarto livello, per i microinquinanti, dovrebbe diventare requisito vincolante nel 2045 e solo per centri da 250mila di popolazione equivalente in su, con contributo finanziario da parte delle industrie maggiormente responsabili per questo tipo di inquinanti, farmaceutica e cosmetica. Ritardato al 2045 rispetto agli emendamenti proposti dall’Europarlamento (100% al 2040) l’obbligo di uso di energie rinnovabili per gli impianti di depurazione.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.