Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Onu, rifiuti elettronici miniera di metalli critici da 10 miliardi

Onu, rifiuti elettronici miniera di metalli critici da 10 miliardi

Anche in giocattoli, spazzolini, sigarette elettroniche

13 ottobre 2023, 15:54

Redazione ANSA

ANSACheck

Onu, rifiuti elettronici miniera di metalli critici da 10 miliardi - RIPRODUZIONE RISERVATA

I rifiuti elettrici contengono minerali critici per un valore di 10 miliardi di dollari, un "tesoro" che si nasconde anche in oggetti di uso comune come giocattoli o sigarette elettroniche. E’ quanto emerge da un nuovo dataset dell'Unitar, l’Agenzia ONU per la formazione e la ricerca, commissionato dal Forum sui Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (Wee Forum), che presenta il calcolo delle quantità annuali di rifiuti elettronici "invisibili" in milioni di chilogrammi, in milioni di pezzi e in kg e pezzi pro capite.

Giocattoli, sigarette elettroniche e altri prodotti di uso comune hanno un insospettabile potenziale di minerali e metalli riciclati: rappresentano un sesto di tutti i rifiuti elettrici ed elettronici del mondo, ovvero 9 milioni di tonnellate all'anno. Più di un terzo (35%) di questi piccoli rifiuti rientra nella categoria dei giocattoli, che comprende ad esempio automobili telecomandate, bambole parlanti e robot.

Gli 844 milioni di dispositivi per il vaping scartati ogni anno equivalgono al peso di sei torri Eiffel, illustra il rapporto. Questi oggetti, che contengono litio o rame, invece di essere riciclati finiscono spesso nella spazzatura o a prendere polvere in casa, denuncia Magdalena Charytanowicz, direttore della comunicazione del Wee Forum. "Il rapporto prevede un aumento di sei volte della domanda di rame entro il 2030 nella sola Europa, in particolare nei settori delle energie rinnovabili, della mobilità elettrica e delle comunicazioni”, ricorda. 

Le materie prime critiche si trovano anche in spazzolini da denti, rasoi elettrici, cuffie e cavi. "In Europa - afferma Charytanowicz - il 55% dei rifiuti elettrici ed elettronici viene riciclato, mentre a livello mondiale solo il 17,4%".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.