Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'accordo sul mercato elettrico è a un passo, martedì il Consiglio Energia

L'accordo sul mercato elettrico è a un passo, martedì il Consiglio Energia

Lunedì i ministri cercano la quadra sulle emissioni di CO2 dei camion

13 ottobre 2023, 15:55

Redazione ANSA

ANSACheck

L 'accordo sul mercato elettrico è a un passo, martedì il Consiglio Energia - RIPRODUZIONE RISERVATA

“L'accordo franco-tedesco è a portata di mano” sulla riforma del mercato elettrico. Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron, che si è spinto a prevedere il via libera “entro la fine del mese”. La prima occasione è il Consiglio dei ministri dell’Energia, in programma martedì prossimo in Lussemburgo.

La presidenza spagnola ha presentato un testo di compromesso in cui propone di limitare i contratti per differenza (CfD), il meccanismo che dovrebbe incentivare gli investimenti nella produzione di energia a basse emissioni, agli investimenti in nuovi impianti di produzione di energia. Sulla questione Francia da un lato, e Germania e Italia dall’altro erano entrate in collisione. Parigi voleva il via libera a usare i contratti per differenza per le centrali nucleari esistenti, Berlino e Roma si opponevano per il vantaggio competitivo sui costi dell’energia che questa disposizione avrebbe dato alle imprese d’Oltralpe.

Lunedì i ministri dell'Ambiente punteranno a raggiungere due “orientamenti generali”, cioè le posizioni comuni con cui negoziare con l’Europarlamento. Il primo è sulla proposta di revisione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane. Il secondo è sugli standard di emissione CO2 per i veicoli pesanti. A far discutere saranno la proposta di fermare la vendita di bus a benzina o diesel nuovi nel 2030 e il carbon correction factor. Si tratta di una sorta di “sconto” sul conteggio delle emissioni quando i produttori immettono sul mercato camion a biometano, sostenuto da Paesi come Italia e Spagna.

Infine, i ministri UE dell'Ambiente cercheranno di approvare le conclusioni del Consiglio per la conferenza 2023 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop 28), che si terrà a Dubai, Emirati Arabi Uniti, dal 30 novembre al 12 dicembre 2023. Le conclusioni costituiranno la posizione negoziale generale dell'Ue per la Cop.

Come anticipato dal Rappresentante Permanente Aggiunto presso l’Ue Vincenzo Celeste in audizione alla Camera, l'Italia, insieme a Portogallo e Grecia, porrà la questione dell'impatto dell’applicazione dell'Ets al settore marittimo, con l'intenzione di chiedere alla Commissione europea quali misure intenda adottare in caso di perdita di competitività per il settore. Le “questioni che destano preoccupazione”, come recita il titolo del documento delle tre delegazioni, riguardano essenzialmente il rischio di delocalizzazione dei trasbordi in porti di Paesi terzi a causa dell’aumento dei costi conseguenza dell’attuazione dell’Ets al trasporto marittimo.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.