Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ong, su F-gas 'passo storico'. Ehpa chiede aiuti al settore

Ong, su F-gas 'passo storico'. Ehpa chiede aiuti al settore

L'industria delle pompe di calore: "Ue fornisca segnali chiari"

06 ottobre 2023, 19:22

Redazione ANSA

ANSACheck

Ong, su F-gas 'passo storico '. Ehpa, 'aiuti al settore ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Una “delle più grandi vittorie di questo mandato dell’Ue per il clima”. Così, in una nota, lo European Environmental Bureau commenta l'accordo sul nuovo regolamento sugli F-gas. “Il programma di eliminazione graduale proposto per questi potenti gas serra segnala un cambiamento di paradigma, spingendo settori chiave come quello delle pompe di calore verso l’uso di refrigeranti rispettosi del clima”.

Di diverso tenore la reazione dell’industria delle pompe di calore. Da un lato indicate dalla Commissione Ue come il “futuro della caldaia”, le pompe di calore utilizzano ampiamente F-gas e le nuove regole si scontrano con una pianificazione della produzione fatta sulla base degli standard attuali e non dei nuovi. “Sebbene il settore abbia sempre sostenuto l’eliminazione graduale entro il 2050 – si legge in una nota dell’associazione di categoria Ehpa – le nuove norme rappresenteranno un onere significativo nel breve termine”. L'associazione evoca una contrazione dell'offerta a causa delle restrizioni.

“Ogni pompa di calore sostituisce una caldaia a combustibile fossile, riducendo le emissioni di carbonio. Se non ci sono abbastanza pompe di calore, i consumatori sceglieranno invece il riscaldamento fossile”, ha affermato Alessia Del Vasto dell’Ehpa. “Per evitare una carenza di pompe di calore, l’Ue deve fornire al settore un chiaro sostegno finanziario e politico per finalizzare il passaggio ai refrigeranti non fluorurati che è già in corso”.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.