Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Diciotto economisti per la politica industriale verde Ue

Volume del Bruegel su come far partire una "nuova rivoluzione industriale"

Redazione ANSA

Per coniugare competitività dell’economia e lotta ai cambiamenti climatici serve una governance europea più forte sostenuta da risorse finanziarie. E’ il parere del direttore del Bruegel Jeromin Zettelmeyer, messa nero su bianco nella presentazione del volume curato dall'influente think tank europeo sulla “Nuova rivoluzione industriale europea”, che include contributi di diciotto economisti di primo piano, come il professore di Harvard e critico precoce degli eccessi della globalizzazione Dani Rodrik, e l’ex ministro del Venezuela tra i pionieri dell’economia della complessità Ricardo Hausmann.

Il volume, scaricabile gratuitamente, è stato prodotto con il sostegno finanziario della Fondazione europea per il clima, e gli autori propongono modi per attuare una politica industriale sostenibile riducendo al minimo le distorsioni. Tra gli autori “non c'è accordo - gli economisti non sono mai completamente d'accordo”, scrive Zettelmeyer nella prefazione. “Ma – prosegue – le idee, i principi ei compromessi articolati in questo volume ci consentono di restringere l'insieme delle politiche che l'Ue dovrebbe prendere in considerazione, contribuendo nel contempo a evitare errori”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: