Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bozza vertice, impegno per una soluzione comune sui migranti

Bozza vertice, impegno per una soluzione comune sui migranti

E 'avanti sulla riforma del Patto entro l'anno'

22 giugno 2023, 14:36

Redazione ANSA

ANSACheck

Bozza vertice, impegno per una soluzione comune sui migranti © ANSA/EPA

BRUXELLES - La migrazione "è una sfida europea e richiede una risposta europea". E' quanto viene ribadito nella prima bozza delle conclusioni del Consiglio europeo di fine giugno. A quanto apprende l'ANSA sono 4 le stesure previste per le conclusioni, la seconda delle quali sarà sul tavolo degli ambasciatori presso l'Ue nella giornata di domani. Nella prima bozza viene anche ribadito "l'impegno a stoppare il modello di affari dei trafficanti di essere umani" e viene sottolineato che i leader europei "accolgono il pacchetto concordato con la Tunisia". Il capitolo Tunisia è separato, nell'ordine dei lavori del summit, da quello migranti.

Sono 29, secondo quanto si legge nella prima bozza di conclusioni, i punti che saranno trattati al summit dei 27 di fine giugno. Il primo capitolo è tutto dedicato all'Ucraina e in questo viene ribadito che l'Ue "continuerà a fornire un forte supporto finanziario, economico, umanitario, militare e diplomatico a Kiev". Nello stesso capitolo la bozza delle conclusioni rimarca anche l'impegno affinché la Russia sia "pienamente ritenuta responsabile della guerra di aggressione contro l'Ucraina" e si ribadisce "ogni sforzo a istituire un tribunale che persegua i crimini di aggressione" contro Kiev. La bozza di conclusioni, inoltre, ribadisca che i leader europei "incoraggiano il percorso delle riforme" intrapreso dall'Ucraina e "lavoreranno a stretto contatto con l'Ucraina affinché siano rispettate tutte le condizioni". Si sottolinea, inoltre, che l'Ue "continuerà a sostenere la Moldavia nell'affrontare le conseguenze dell'aggressione russa all'Ucraina".

Inoltre, "l'Unione europea e i suoi Stati membri intensificheranno i loro sforzi di sensibilizzazione diplomatica e continueranno a cooperare con l'Ucraina e altri Paesi per garantire il più ampio sostegno internazionale possibile ai principi e agli obiettivi chiave della formula di pace dell'Ucraina, anche attraverso un prossimo vertice globale per la pace", si legge.

Il secondo capitolo è dedicato all'economia sulla quale, almeno in via teorica, si prevede un dibattito generale e non focalizzato sul patto di stabilità. Il terzo capitolo delle conclusioni riguarda invece il dossier della Difesa europea e il piano Asap che prevede un balzo nella produzioni di munizioni affinché aumenti anche l'invio di proiettili all'Ucraina. A tal fine "il Consiglio europeo torna a richiamare l'importanza di rafforzare la base industriale e tecnologica europea nel settore della difesa". Il quarto capitolo è dedicato alla migrazione mentre il quinto ha un titolo inequivocabile: Cina. I leader, si legge nella bozza, "avranno una discussione strategica" proprio sui rapporti commerciali e geopolitici con il Dragone. Il sesto capitolo, dedicato alle Relazioni Esterne, toccherà, tra gli altri, il dossier tunisino - la cui separazione da quello migranti è stata particolarmente caldeggiata dall'Italia - la nuova crisi registratasi nel Kosovo e i rapporti con l'America Latina in vista del vertice Ue-Celac di metà luglio.

I leader Ue fanno anche appello ai ministri delle Finanze a "portare avanti i lavori sulla revisione della governance economica, in vista della conclusione dei lavori legislativi nel 2023". Oltre all'impegno sulla riforma del Patto di stabilità e crescita, i leader Ue invitano "a portare avanti senza indugio i lavori sulla proposta di revisione del quadro finanziario pluriennale" 2021-2027, presentata nei giorni scorsi dalla Commissione europea e presto oggetto di negoziato.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.