Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Allarme zanzare dall'Ecdc, Italia prima per virus del Nilo

Allarme zanzare dall'Ecdc, Italia prima per virus del Nilo

'Se prosegue il riscaldamento aumenteranno contagi e morti'

22 giugno 2023, 14:36

Redazione ANSA

ANSACheck

Allarme zanzare dall 'Ecdc, Italia prima per virus del Nilo - RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES - La tendenza al riscaldamento in Europa, con ondate di calore e inondazioni più frequenti e gravi e estati più lunghe e più calde, creano condizioni più favorevoli per specie di zanzare invasive come Aedes albopictus e Aedes aegypti. E' l'allarme dell'Ecdc, il centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, con l'attesa possano seguire più casi e morti da dengue, chikungunya e febbre del Nilo occidentale. Nel 2022 nell'Ue e See sono stati segnalati 1.133 casi umani e 92 decessi di infezione da virus del Nilo: 1.112 acquisiti localmente in 11 paesi, con l'Italia in testa con 723 casi segnalati localmente.

L'Ecdc segnala che dieci anni fa (nel 2013) la zanzara Aedes albopictus si insediata in 8 paesi Ue/See, con 114 regioni colpite. Ora è presente in 13 paesi e 337 regioni. "Negli ultimi anni abbiamo assistito a una diffusione geografica di specie di zanzare invasive in aree precedentemente non colpite nell'Ue/See", segnala la direttrice dell'Ecdc Andrea Ammon nella comunicazione del centro. "Se continua così, possiamo aspettarci di vedere più casi e morti possibili per malattie come dengue, chikungunya e febbre del Nilo occidentale. Gli sforzi devono concentrarsi sui modi per controllare le popolazioni di zanzare, migliorare la sorveglianza e applicare misure di protezione individuale".

Alle spalle dei 723 contagi locali di virus del Nilo occidentale segnaalti in Italia, figurano Grecia (286), Romania (47), Germania (16), Ungheria (14), Croazia (8), Austria (6), Francia (6), Spagna (4), Slovacchia ( 1) e Bulgaria (1). I casi di dengue acquisita localmente nell'Ue sono stati 71 nel 2022, pari al numero di casi segnalti tra il 2010 e il 2021, con casi maggiori segnalati in Francia (65) e Spagna (6) . L'Ecdc ricorda che tra i modi per controllare le popolazioni di zanzare figurano l'eliminazione delle fonti di acqua stagnante dove si riproducono le zanzare, l'uso di larvicidi ecologici e la promozione della consapevolezza della comunità sul controllo delle zanzare. Le misure di protezione personale includono l'uso di zanzariere (preferibilmente reti trattate con insetticidi) o il sonno o il riposo in stanze schermate o climatizzate, l'uso di zanzariere, l'uso di indumenti che coprano la maggior parte del corpo e l'uso di repellenti per zanzare.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.