Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Via libera dell'Eurocamera al regolamento per l'Intelligenza artificiale

Via libera dell'Eurocamera al regolamento per l'Intelligenza artificiale

Prima legge al mondo sul rispetto delle regole e dei valori alle tecniche AI

14 giugno 2023, 18:03

Redazione ANSA

ANSACheck

Prima legge al mondo sul rispetto delle regole e dei valori alle tecniche AI - RIPRODUZIONE RISERVATA

STRASBURGO - Via libera dall'Eurocamera all'AiAct il testo che racchiude le nuove regole Ue per l'Intelligenza artificiale. L'aula di Strasburgo ha approvato con 499 voti a favore 28 contrari e 93 astenuti la prima regolamentazione al mondo pensata per imprimere alle tecnologie come Chat Gpt il rispetto delle leggi Ue e dei valori fondamentali e per combattere la discriminazione digitale e prevenire la disinformazione e l'utilizzo dei 'deep fakes'. Il voto apre la strada ai triloghi con i Paesi membri e la Commissione Ue, il primo negoziato è previsto già per questa sera.

Le norme seguono un approccio basato sul rischio e stabiliscono obblighi per fornitori e operatori dei sistemi di IA a seconda del livello di rischio che può generare. Saranno quindi vietati i sistemi di IA che presentano un livello di rischio inaccettabile per la sicurezza delle persone, come quelli utilizzati per il punteggio sociale (classificare le persone in base al loro comportamento sociale o alle loro caratteristiche personali).

I deputati, rispetto al testo iniziale, hanno ampliato l'elenco per includere divieti sugli usi intrusivi e discriminatori dell'IA, come: l'uso di sistemi di identificazione biometrica remota "in tempo reale" e "a posteriori" in spazi accessibili al pubblico; i sistemi di categorizzazione biometrica basati su caratteristiche sensibili (ad esempio genere, razza, etnia, cittadinanza, religione, orientamento politico); i sistemi di polizia predittiva (basati su profilazione, ubicazione o comportamenti criminali passati); i sistemi di riconoscimento delle emozioni utilizzati dalle forze dell'ordine, nella gestione delle frontiere, nel luogo di lavoro e negli istituti d'istruzione; e l'estrazione non mirata di dati biometrici da Internet o da filmati di telecamere a circuito chiuso per creare database di riconoscimento facciale (in violazione dei diritti umani e del diritto alla privacy).

Il testo approvato dal Pe prevede che la classificazione delle applicazioni ad alto rischio includa anche i sistemi di IA che comportano danni significativi per la salute, la sicurezza, i diritti fondamentali delle persone o l'ambiente. Sono stati aggiunti alla lista ad alto rischio i sistemi di intelligenza artificiale utilizzati per influenzare gli elettori e l'esito delle elezioni e i sistemi di raccomandazione utilizzati dalle piattaforme di social media (con oltre 45 milioni di utenti).

I sistemi di IA generativa che si basano su tali modelli, quali ChatGPT, secondo il testo, dovrebbero rispettare i requisiti di trasparenza (dichiarando che il contenuto è stato generato dall'IA), aiutando anche a distinguere le cosiddette immagini deep-fake e da quelle reali, e fornire salvaguardie per evitare la generazione di contenuti illegali. Dovrebbero inoltre essere pubblicate le sintesi dettagliate dei dati protetti dal diritto d'autore utilizzati per l'addestramento.

L'europarlamento sostiene il divieto totale di utilizzo di tecnologie di riconoscimento biometrico ad intelligenza artificiale in tempo reale nei luoghi pubblici. E' stato bocciato l'emendamento del Ppe che chiedeva di inserire nell'AiAct, il testo che racchiude le nuove regole Ue per l'Intelligenza artificiale, alcune eccezioni per permettere l'uso di telecamere riconoscimento facciale nelle strade e ai confine dell'Ue per motivi di sicurezza nazionale o nei casi di minori scomparsi.

"L'Eurocamera ha trovato un impostazione equilibrata e centrata sulle persone per una legalizzazione che stabilirà uno standard globale per molti anni. Possiamo essere fieri del ruolo leader dell'Ue in questo settore". Lo ha detto la presidente dell'Eurocamera, Roberta Metsola, in una conferenza stampa a Strasburgo sul via libera alle nuove regole per l'Intelligenza Artificiale, la prima al mondo. "Abbiamo fatto la storia", ha sottolineato.

Il voto al Parlamento europeo sul regolamento per l'intelligenza artificiale "è molto importante", si tratta di "momenti storici, perché siamo i primi al mondo a negoziare" un accordo per fissare dei paletti all'IA. Lo ha detto la vicepresidente della Commissione europea, Margrethe Vestager, dopo l'approvazione dell'AI Act da parte delle plenaria di Strasburgo. "Non vedo l'ora che i triloghi (i negoziati tra le istituzioni Ue, ndr) comincino", ha evidenziato Vestager, indicando la fine del 2023 come la data verso cui è rivolto l'impegno di tutti per raggiungere l'intesa finale.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.