/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Corte Conti Ue, Commissione usi big data per migliorare la PAC

Corte Conti Ue, Commissione usi big data per migliorare la PAC

Italia tra i primi Paesi a contribuire al portale di dati Inspire

28 giugno 2022, 17:55

Redazione ANSA

ANSACheck

Corte Conti Ue, Commissione usi big data per migliorare la PAC - RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES - L'Unione europea non sfrutta appieno le potenzialità offerte dall'approccio big data (sistemi di elaborazione con velocità e capacità di calcolo superiore) per analizzare e successivamente elaborare la Politica agricola comune. È il rilievo che la Corte dei Conti Ue muove alla Commissione europea e agli Stati membri.

Nella relazione speciale su Pac e Big Data, gli auditor sottolineano che, pur disponendo di grandi volumi di dati in materia di agricoltura, soprattutto di carattere amministrativo, la Commissione debba superare diversi ostacoli per utilizzarli al meglio, principalmente perché gli Stati non li trasmettono in un formato unico standardizzato per la condivisione e il riutilizzo.

In questo contesto, l'Italia è uno dei Paesi che si segnalano perché va oltre l'invio a Bruxelles dei soli dati amministrativi. E' infatti tra i primi nell'Ue nel condividere dati sull'agricoltura nel portale Ue "Inspire", che raccoglie su base volontaria dati geospaziali dagli Stati membri. L'Italia è il primo Paese per numero di voci su habitat, biotopi e condizioni atmosferiche, ed è il secondo per contributi sui suoli.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.