Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Puglia tra Regioni Ue con gap occupazionale di genere più alto 

Disparità alte anche in Basilicata, Campania, Sicilia e Calabria 

Redazione ANSA

BRUXELLES, 28 NOV - La Puglia è tra le regioni europee con il più alto divario occupazionale di genere. Secondo uno studio di Eurostat, il divario occupazionale di genere - inteso come la differenza tra i tassi di occupazione degli uomini e delle donne di età compresa tra i 20 e i 64 anni - persiste in quasi tutti i territori Ue, con tassi più elevati per gli uomini. Nel 2022 sono state 20 le regioni europee in cui il divario occupazionale tra i sessi era di almeno 20 punti percentuali. Sette di queste si trovano in Italia, con il Mezzogiorno in testa: Puglia (30.7), Basilicata (28.7), Campania (28.7), Sicilia (26.7), Calabria (25.8), Abruzzo (23.6), Molise (22). La Puglia è la seconda regione col tasso di divario più alto d'Europa dopo la greca Sterea Ellada (31.4). Le disparità occupazionali tra i sessi, spiega Eurostat, sono dovute a una serie di ragioni, come le responsabilità di cura non retribuite delle donne, la discriminazione nelle assunzioni e la scarsità di donne nella leadership. Inoltre, fattori come l'inadeguatezza dei servizi per l'infanzia, i disincentivi fiscali e la segregazione occupazionale contribuiscono al persistere del divario occupazionale di genere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie