ESILI.

Matera - Spettacolo di danza

ESILI
Uomini_Limiti_Scoperte
Una produzione di Balletto Lucano
Direzione artistica di Loredana Calabrese
Lo spettacolo Esili nasce dall’esigenza della coreografa lucana Loredana Calabrese e dei suoi danzatori di raccontare l’essenza dell’essere lucano e il suo vivere la propria terra come condizione di abbandono e di esilio ma anche di coraggio, forza e bellezza.

Il tema trae ispirazione dall’esilio, in Lucania, del pittore e scrittore torinese Carlo Levi, che ha raccontato attraverso la sua opera “Cristo si è fermato a Eboli”, la verità su una terra che vive tutt’ora, in silenzio, la leggerezza delle sue epoche storiche. Da qui il duplice significato della parola esili o esìli: celebrazione dell’isolamento che trae forza dalla leggerezza mentale, permettendo creativamente di raggiungere forze e superare i limiti.

La compagnia del Balletto Lucano si compone di danzatori comunemente attratti dalla forza e dall’intensità del progetto che ha portato alla nascita dello spettacolo e che si è concentrato sullo studio introspettivo del movimento e sulla ricerca del rapporto tra l’uomo e la terra - a volte Madre, a volte Matrigna - nei luoghi suggestivi della Basilicata (centri storici di Matera, Colobraro, Aliano, Parco dei Calanchi, Diga di Montecotugno).
Un progetto di ascolto, comprensione e ricerca della nostra terra che utilizza il corpo come mezzo di connessione tra la natura che ci circonda, il rumore del suo silenzio e le emozioni che suggerisce, divenendo così acqua, vento, sole, terra, campi, mani, sudore, silenzio, esilio.

Il progetto di ricerca nei luoghi della Basilicata ha visto partecipe tanto i danzatori quanto il pubblico osservatore, divenendo spettacolo liquido - capace di adattarsi a forme e circostanze, luoghi e abitanti - e attraversando l’intera regione, sino a trasformarsi, al termine della ricerca, da spettacolo itinerante ad adattamento teatrale.

I danzatori: Luana Filardi, Pasquale De Giacomo, Antonio Polito, Agnese Trippa, Aleksandr Vacca.

I cinque danzatori della compagnia del Balletto Lucano, particolari nella tecnica e nell’interpretazione, lucani e non solo, danzeranno sulle note della musicista e cantante lucana Daniela Ippolito, che ha realizzato uno studio di ricerca sui canti popolari della Basilicata, adattandoli e rinnovandoli con l’accompagnamento musicale dell’arpa.

Frammenti di luoghi e attimi di vita attraversano lo spettacolo con immagini bidimensionali della realtà: il tempo fuori da noi e il tempo dentro di noi. Immagini realizzate ad opera del film-maker e fotografo lucano Angelo Chiacchio.




Piazza G. Pascoli, 1, Matera

+39.0835256211

http://musei.basilicata.beniculturali.it

pm-nas@beniculturali.it

Modifica consenso Cookie