Umbria
  1. ANSA.it
  2. Umbria
  3. La Giunta informa
  4. Tanti ospiti e appuntamenti per UmbriaLibri

Tanti ospiti e appuntamenti per UmbriaLibri

Perugia e Terni coinvolte nella rassegna editoriale

(ANSA) - PERUGIA, 06 OTT - Tanti appuntamenti, un ricco parterre di ospiti e molte prospettive per il futuro per la 28/a edizione di 'UmbriaLibri', la rassegna editoriale e culturale promossa dalla Regione e che vede coinvolte Perugia e Terni nel suo cartellone.
    La manifestazione è stata presentata oggi in una conferenza stampa dal nuovo Direttore artistico Angelo Mellone, dall'assessore regionale alla Cultura Paola Agabiti, da Alessandro Campi e Michela Sciurpa, rispettivamente amministratore unico Aur e di Sviluppumbria.
    La prima parte di questa edizione 2022 di 'UmbriaLibri'si svolgerà l'8 e il 9 ottobre a Perugia, presso a Palazzo Graziani e alla Sala dei Notari di Palazzo dei Priori. Per poi proseguire dal 28 al 30 ottobre presso il Complesso monumentale di San Pietro. Quindi le serate finali a Terni, dal 2 al 4 dicembre, nella Bct biblioteca comunale.
    Tra gli ospiti dell'8 e del 9 ottobre ci saranno i tre finalisti del 'Premio letterario Severino Cesari', Filippo Battaglia, 'Nonostante tutte' (Einaudi), Jana Karšaiová, 'Divorzio di velluto' (Feltrinelli), Bernardo Zannoni, 'I miei stupidi intenti' (Sellerio). E poi, ancora, Daria Bignardi, Umberto Broccoli, Paolo Del Debbio, Gabriella Genisi, Lorenzo Lo Basso, Giacomo Papi, Luigi Di Gregorio, Lorenzo Pregliasco, Martina Carone, Giovanni Diamanti, Alessandro Campi, Costantino D'Orazio, Alberto Matano. Tra gli ospiti di fine ottobre, inoltre, Marco Bubola, Antonio Di Bella, Rachele Ferrario, Marta Ottaviani, Pier Luigi Pardo, Yari Selvetella.
    "Sono molto felice di essere stato scelto per questo incarico - ha detto il direttore artistico Angelo Mellone - e trovo entusiasmante la sfida di 'UmbriaLibri', una manifestazione che in tre anni mi piacerebbe portare al livello dei festival più famosi e anche di sigle celebri come Umbria Jazz, il Festival di Spoleto, senza disperdere il patrimonio di esperienze degli anni passati né il legame fortissimo con l'editoria umbra. Ci sono molte idee da realizzare e progetti per rendere 'UmbriaLibri' più largo, più lungo, più ampio, più mediatico. Più largo perché coinvolgerà via via moltissimi comuni della regione. Più lungo perché 'UmbriaLibri', in modalità differenti, non chiuderà mai.
    Più ampio perché intendiamo sperimentare tanto i nuovi strumenti narrativi come i podcast o i social media quanto il rapporto fecondo con le istituzioni scolastiche, l'università, il mondo studentesco, e anche mondi narrativi attigui come la televisione e il cinema. Quello che si vuole fare, dunque, è mantenere 'UmbriaLibri' come la grande vetrina dell'editoria umbra ma contemporaneamente contribuire a strutturare la manifestazione come un evento di valenza nazionale promuovendo anche in suo brand".
    "UmbriaLibri, dopo oltre 25 anni di attività, si arricchisce di ulteriori iniziative con un maggiore respiro nazionale" ha spiegato l'assessore Paola Agabiti. "Abbiamo sentito l'esigenza - ha aggiunto - di intraprendere una ridefinizione e una nuova impostazione del format, finalizzata ad accrescere le potenzialità di un evento culturale tra i più antichi e consolidati a livello regionale che, tenendo in dovuto conto i cambiamenti nel frattempo intervenuti nel mondo dell'editoria, dell'organizzazione culturale e, in generale, degli eventi legati all'editoria e alla lettura, ne prevedesse un restyling e un rilancio. Le caratteristiche principali vogliono essere la sua continuità durante tutto l'anno, il coinvolgimento di tutto il territorio umbro e una più accentuata declinazione social, che moltiplichi, dal punto di vista comunicativo, la sua carica di contenuti anche su canali e piattaforme molto distanti dall'editoria di carta, cercando nuovi 'fan' tra i millennials e le generazioni successive. Importante elemento di innovazione in questo nuovo format è la realizzazione di un sito web completamente rinnovato nella grafica, nello stile di presentazione, nella possibilità di trasformarsi in motore di ricerca per gli eventi, in vetrina dei partecipanti, delle case editrici e degli sponsor, funzionando anche da raccordo tra la domanda turistica dei visitatori di 'UmbriaLibri' e l'offerta alberghiera e della ristorazione".
    "Il progetto di riforma della manifestazione messo a punto dall'Agenzia Umbria Ricerche su richiesta dell'Assessorato alla cultura della Regione dell'Umbria - ha spiegato Campi - ha avuto come finalità quella di dare a 'UmbriaLibri' una maggiore articolazione territoriale, un rilievo ancora più nazionale e una durata meno episodica".
    "Dopo il successo della scorsa edizione, siamo orgogliosi di essere stati confermati dalla Regione Umbria come soggetto attuatore di questo evento - ha detto invece Michela Sciurpa - sempre più volano di promozione culturale, turistica ed economica, secondo l'approccio integrato che contraddistingue la mission di Sviluppumbria a sostegno delle imprese e del territorio". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie