Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Indagine acustica a Trento, criticità in zona S. Maria Maddalena

Indagine acustica a Trento, criticità in zona S. Maria Maddalena

Sindaco, 'arriveremo in primavera con un piano di azioni'

TRENTO, 19 febbraio 2024, 12:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'area di Santa Maria Maddalena, a Trento, è quella con i livelli sonori maggiori, in particolare nelle serate di mercoledì, venerdì e sabato, tre le 22 e l'una di notte. È quanto emerge dalla misurazione dell'inquinamento acustico nel centro storico svolto tra i mesi di giugno e novembre scorsi. L'indagine, presentata in conferenza stampa, è stata commissionata dall'amministrazione comunale per misurare le variazioni acustiche durante la "movida" notturna.
    Per le misurazioni sono stati impiegati 15 sensori collegati in rete. I limiti acustici di riferimento per il regolamento comunale sono 60 decibel durante il giorno (dalle 6 alle 22) e 50 decibel la notte (dalle 22 alle 6). Le maggiori criticità sono state registrate in via Santa Maria Maddalena, via Francesco Ferruccio e vicolo Santa Maria Maddalena, maggiormente interessate dagli assembramenti notturni. In particolare, Vicolo Santa Maria Maddalena, con il dato medio notturno di 72,7 decibel, è la zona più rumorosa, seguita da via Francesco Ferruccio (67,8), via Santa Maria Maddalena (63,1), piazza Duomo (61,3), via Oriola (60,5), via Calepina (61,3), Largo Carducci (59,3), via Cavour (58,2). Nel periodo di monitoraggio, in vicolo Santa Maddalena tra le 11 e l'una, il rumore ha toccato in 30 casi il picco degli ottanta 80 decibel.
    Il monitoraggio, in ogni caso, conferma una riduzione dell'orario della movida rispetto a quanto precedentemente registrato. Il rumore non si protrae più fino alle 3 o 4 del mattino, come avveniva in passato, e il fenomeno è concentrato in un'area specifica "Questo rapporto deve essere letto e interpretato, ci sono indicazioni specifiche con una zona ben determinata. Un provvedimento andrà preso, ma l'obiettivo è cooperare con i comitati dei cittadini, gli esercenti e gli studenti. Arriveremo a primavera con un piano di azioni", ha detto il sindaco di Trento, Franco Ianeselli.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza