Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Calano del 2,7% le assunzioni in Trentino nel 2023

Calano del 2,7% le assunzioni in Trentino nel 2023

Colpiti soprattutto giovani e occupazione femminile

TRENTO, 12 gennaio 2024, 11:29

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Rallentano le assunzioni in Trentino. Stando agli ultimi dati elaborati dall'Agenzia del lavoro, nei primi dieci mesi del 2023 le nuove attivazioni sono calate del 2,7%, fermandosi a 140.615. La riduzione più significativa - si apprende - riguarda il settore manifatturiero con -12,5%, seguita da quello estrattivo (-9%) e dai servizi (-5,2). Risultano in crescita invece i settori delle costruzioni (+5,3) e dell'agricoltura (+2,2).
    Il segno negativo colpisce maggiormente l'occupazione femminile (-2.875) e i giovani fino a 29 anni (-2.617). Il saldo occupazionale si mantiene comunque positivo, in quanto calano, parallelamente, anche le cessazioni (-3,7%).
    In merito alle tipologie contrattuali si registra un calo di quelle a tempo indeterminato, in crescita fino a qualche mese fa.
    "Il nostro mercato del lavoro è sostanzialmente fermo.
    Preoccupa il segnale che arriva dal manifatturiero, a dimostrazione che è in atto un generale rallentamento dell'economia. Calano le assunzioni, ma nell'industria cresce anche il ricorso alla cassa integrazione che aumenta di oltre il 70% rispetto al 2022, specie nel settore cartario, seguito da tessile/chimico e metalmeccanico. Si tratta per lo più di cassa ordinaria, che riflette una crisi temporanea di mercato. In ogni caso è un segnale da monitorare con attenzione", commentano Maurizio Zabbeni, Lorenzo Pomini e Walter Largher, per Cgil, Cisl e Uil del Trentino, che chiedono di "innalzare la qualità dell'occupazione, affrontando con determinazione le questioni salariale e di stabilità".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza