Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rifugi Trentino,'serve supporto per acqua e smaltimento rifiuti'

Rifugi Trentino,'serve supporto per acqua e smaltimento rifiuti'

Flessione presenze a giugno compensata da settembre e ottobre

TRENTO, 29 novembre 2023, 16:46

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Alla Provincia di Trento "chiediamo ulteriore supporto per le risorse idriche e per la consegna e lo smaltimento dei rifiuti". A dirlo, nel giorno in cui si traccia il bilancio dell'attività svolta nel 2023, è Roberta Silva, presidente dell'associazione Rifugi del Trentino.
    La stagione estiva si è chiusa con numeri positivi.
    Nonostante un inizio che Silva ha definito "in sordina", con un giugno che ha registrato una flessione di presenze, gli accessi ai rifugi a luglio e agosto sono stati simili a quelli del 2022, mentre a settembre e ottobre 2023 è stato superato il numero di presenze dell'anno precedente. "Abbiamo perso un 5-10% di presenze a giugno - precisa la presidente dell'associazione Rifugi del Trentino - che però abbiamo recuperato nel mese di settembre".
    "Le presenze dei mercati esteri, soprattutto per i pernottamenti, sono state elevate, con una predominanza del mercato tedesco. Si stanno però affacciando anche gli Stati Uniti e persone che arrivano da oltreoceano", ha aggiunto Silva.
    Il meteo favorevole di settembre e ottobre ha favorito un allungamento della stagione, che per i rifugi solitamente si chiude il 20 settembre: almeno un terzo delle 145 strutture presenti in provincia, cento delle quali sono socie dell'associazione Rifugi del Trentino, sono state aperte anche oltre quella data. Corrisponde sempre a un terzo delle strutture, secondo quanto riferisce Silva, il numero dei rifugi aperti anche d'inverno.
    Oltre alla bella stagione, sull'apertura a settembre e ottobre ha inciso, secondo la presidente di Rifugi del Trentino, la campagna di Trentino marketing per la destagionalizzazione del turismo. "Speriamo - ha concluso Roberta Silva - che questa destagionalizzazione sia supportata dalla presenza di strutture aperte a valle, che per ora carenti", ma che costituiscono dei "punti di appoggio fondamentali per noi e per un'offerta turistica più ampia e completa".
“La nostra volontà è provare a interloquire con tre o quattro dipartimenti diversi, con quattro assessorati diversi, per provare a mettere insieme un disegno di legge sulla montagna a trecentosessanta gradi che potrebbe veramente far fare un salto di qualità”. Lo ha detto l’assessore al turismo della Provincia di Trento, Roberto Failoni, intervenendo all’assemblea dell’associazione Rifugi del Trentino. 
   Secondo quanto riferito dal dirigente del Servizio turismo della Provincia di Trento, Giorgio Cestari, la Provincia di Trento ha stanziato 3 milioni di euro all’anno, dal 2019 al 2023, per i rifugi. “Il mio servizio – ha aggiunto Cestari – adotta tra i 25 e i 35 provvedimenti all’anno” per i rifugi. 
   A margine dell’incontro ha preso la parola anche Guido Trevisan, ex gestore del rifugio di Pian dei Fiacconi, in Marmolada, che a dicembre del 2020 è stato distrutto da una valanga. “A distanza di tre anni – ha detto - non ho avuto nessuna risposta. Le uniche informazioni che ho avuto le ho apprese dai giornali, che hanno segnalato che il mio rifugio verrà espropriato, demolito e rimosso. Ad oggi non è stata riconosciuta la calamità naturale e non ho avuto indennizzi”. “Credo che la settimana prossima le potrò dare qualche risposta”, gli ha risposto Failoni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza