Francia: incidente Rio-Parigi,a giudizio Air France e Airbus

Sei le vittime del Trentino Alto Adige

(ANSA) - PARIGI, 12 MAG - La corte d'appello di Parigi ha rinviato a giudizio per omicidio colposo plurimo Air France e Airbus per responsabilità indiretta nell'incidente del volo Rio-Parigi che fece 228 morti nel 2009. La decisione annulla il non luogo a procedere pronunciato nel 2019 dal tribunale di primo grado, sentenza favorevole alla compagnia e al costruttore.
    Tra i morti ci furono tre trentini e tre altoatesini: Rino Zandonai, 60 anni, direttore dell'associazione Trentini nel Mondo, Luigi Zortea, 66 anni, sindaco di Canal San Bovo, e Giovanni Battista Lenzi, 58 anni, consigliere regionale del Trentino Alto Adige, che stavano rientrando in Italia dopo un viaggio di solidarieta' in Brasile per progetti sostenuti proprio dalla onlus Trentini nel mondo. Le vittime altoatesine furono invece Georg Martiner, 25 anni di Ortisei, residente a Bolzano ma nato in Brasile, di Alexander Paulitsch, 35 anni di San Candido, e di Georg Lercher, 34 anni, anche lui di San Candido.
    All'annuncio della sentenza che rinvia in tribunale Air France e Airbus, i parenti delle vittime presenti in tribunale si sono abbracciati e commossi. I legali di Airbus hanno denunciato una "decisione ingiustificata" e annunciato ricorso in Cassazione.
    Air France "nega di avere colpe di rilevanza penale all'origine dell'incidente", ha affermato da parte sua l'avvocato della compagnia.
    Il 1 giugno 2009, il volo AF447 da Rio de Janeiro a Parigi si inabissò in pieno Atlantico. I piloti, disorientati da un guasto tecnico mentre attraversavano una zona di turbolenze, non erano riusciti a riprendere il controllo dell'A330. Nell'incidente morirono 216 passeggeri e 12 membri dell'equipaggio. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Videonews Alto Adige-Südtirol

        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie