Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Piantedosi, nessun disegno del governo per reprimere il dissenso

Piantedosi, nessun disegno del governo per reprimere il dissenso

'Non cambiano le regole su ordine pubblico improntate a cautela'

ROMA, 21 febbraio 2024, 15:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Va subito respinta ogni suggestione che vi sia un disegno del Governo per reprimere il dissenso politico e che questo disegno sia eseguito dalle forze di polizia nel corso dei servizi di ordine pubblico". Così il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, rispondendo al question time alla Camera. "Non vi è, e mai vi potrà essere - aggiunge Piantedosi - alcuna direttiva ministeriale in tal senso e, neanche, indicazioni volte a cambiare le regole operative di gestione dell'ordine pubblico, da sempre improntate a cautela, equilibrio e professionalità, a prescindere dal colore politico del Governo in carica".
    "Anche nei recenti episodi di Torino, Napoli e Bologna - ricorda il ministro - il maggior numero di feriti, come spesso accade, è stato registrato tra gli appartenenti alle forze di polizia. La difficile azione delle nostre forze di polizia, istituzioni fondamentali di un paese a democrazia matura come il nostro, è orientata unicamente a garantire che le manifestazioni pubbliche si svolgano in condizioni di piena sicurezza. Ed è per questo - aggiunge - che il loro ruolo non può essere rappresentato in termini oppositivi o antagonistici ai manifestanti. La loro presenza è, invece, espressione di un'esigenza fondamentale della democrazia ovvero che il dissenso, anche quello più aspro, possa essere sempre manifestato, senza alcun timore o censura, e, come ho detto, in piena sicurezza".
    "Un'attenzione scrupolosa - prosegue Piantedosi - è rivolta all'attività formativa degli stessi operatori di polizia che, a conclusione di specifici percorsi professionali, acquisiscono tecniche di intervento appropriate e costantemente aggiornate.
    Detto questo, auspico che non vi sia la tentazione, da parte di alcuno, di trascinare nel conflitto politico il lavoro delle forze di polizia, che debbono poter operare, specie nei servizi di ordine pubblico, con la necessaria serenità, fattore imprescindibile per gestire i rischi legati a scenari e contesti impegnativi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza