Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

F1: Fia nella bufera, n.1 Ben Sulayem indagato per interferenze

F1: Fia nella bufera, n.1 Ben Sulayem indagato per interferenze

Secondo la Bbc avrebbe influenzato un gran premio

ROMA, 04 marzo 2024, 19:47

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Mohammed Ben Sulayem, presidente della Fia, l'ente che governa gli sport motoristici, è indagato per presunte interferenze su un risultato di una gara di Formula 1.
    Secondo quanto riporta la Bbc sul suo sito, un informatore ha riferito alla Fia che Ben Sulayem sarebbe intervenuto per annullare una penalità inflitta a Fernando Alonso dell'Aston Martin nel Gran Premio dell'Arabia Saudita del 2023.
    L'affermazione è contenuta nel rapporto di un funzionario della Fia al comitato etico. Secondo l'accusa, Ben Sulayem avrebbe chiamato lo sceicco Abdullah bin Hamad bin Isa Al Khalifa - vicepresidente della Fia per il Medio Oriente e Nord Africa, che si trovava in Arabia Saudita per la gara in veste ufficiale - e avrebbe fatto capire di ritenere che la penalità di Alonso (di 10 secondi per modifiche alla monoposto mentre stava scontando una precedente penalità di 5") doveva essere revocata.
    Alla base della vicenda potrebbe esserci un'incomprensione nella traduzione dall'italiano. Il rapporto era infatti stato redatto da Paolo Basarri, responsabile della conformità degli atti in pista nel quale Basarri afferma che l'informatore ha riferito che Ben Sulayem "ha preteso che gli steward annullassero la loro decisione di assegnare" la penalità ad Alonso. Nel mirino la traduzione del verbo 'to pretend'.
    Si prevede - scrive ancora la Bbc - che il comitato etico impiegherà dalle quattro alle sei settimane per redigere il proprio rapporto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza