Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lega, l'accordo con Russia Unita non ha più valore

Lega, l'accordo con Russia Unita non ha più valore

La lettera di un gruppo di dissidenti a Salvini: "No a Vannacci"

ROMA, 03 aprile 2024, 10:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La guerra ha totalmente cambiato i giudizi e i rapporti politici con la Russia, che prima dell'invasione era un importante interlocutore di tutti i governi italiani". Lo scrive la Lega in una nota in cui si sottolinea che "come già ribadito, i propositi di collaborazione puramente politica del 2017 tra la Lega e Russia Unita non hanno più valore dopo l'invasione dell'Ucraina. Di più. Anche negli anni precedenti non c'erano state iniziative comuni". "La linea della Lega è confermata dai voti in Parlamento: dispiace che l'Aula debba perdere tempo per polemiche inutili e strumentali innescate dall'opposizione". 
   

Lettera dei dissidenti a Salvini: "la Lega è isolata, no a Vannacci"

Una lettera scritta da ex parlamentari, ex consiglieri regionali e sindaci leghisti, perlopiù lombardi, e indirizzata al segretario Matteo Salvini per chiedere al leader "perché abbiamo smesso di dialogare con forze autonomiste e federaliste" per fare accordi "con chi non ha la nostra naturale repulsione nei confronti di fasci e svastiche". Ma anche per criticare la scelta di candidare alle euroepee "personaggi con forte marcatura nazionalista, totalmente estranei al nostro movimento" come il generale Roberto Vannacci.

La missiva è stata sottoscritta da 21 esponenti leghisti , tra cui l'ex segretario della Lega lombarda Paolo Grimoldi, gli ex parlamentari Cristian Invernizzi, Jari Colla, Germano Racchella, l'ex assessore regionale, parlamentare e segretario bergamasco Daniele Belotti i sindaci di Rovato Tiziano Belotti, di Travagliato Renato Pasinetti, di Quinzano d'Oglio Olivari Lorenzo, di Senago Magda Beretta e l'ex sindaco di Monza Marco Mariani insieme a ex consiglieri regionali come Andrea Monti e altri ex segretari provinciali della Lega. "In questi cinque anni - si legge nella lettera - nonostante la storica affermazione elettorale conseguita, la Lega è stata relegata ad un ruolo di importanza residuale sia nell'assemblea parlamentare che nelle altre istituzioni europee".

Un "isolamento politico" che "non ci ha consentito di incidere concretamente nella ricerca di soluzioni a problematiche di interesse del movimento - prosegue la missiva -. È inevitabile dunque chiedersi dove sia finito il tradizionale pragmatismo che ci ha sempre portati alla ricerca di collocazioni utili al raggiungimento degli obiettivi". Ti chiediamo inoltre dove sia finita, caro segretario - continua la lettera - la tradizionale e giusta distanza che abbiamo sempre mantenuto da tutti gli opposti estremismi", con la scelta "per alcuni aspetti anche condivisibile, di non aderire ad una delle grandi famiglie politiche europee" che "non può comunque portare la Lega a condividere un cammino con partiti che nulla hanno a che fare con la nostra storia culturale e politica". I "dissidenti" leghisti auspicano "di essere ascoltati".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza