/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Notai, dal 'senior co-housing' vantaggi per anziani e giovani

Notai, dal 'senior co-housing' vantaggi per anziani e giovani

'Nel 2041 over65 saranno il 60% delle persone sole'

ROMA, 14 febbraio 2024, 09:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Consiglio nazionale del Notariato, nel corso di un'audizione questa mattina nella Commissione Sanità e Lavoro del Senato che sta esaminando lo schema di decreto legislativo riguardante le politiche in favore delle persone anziane, ha evidenziato i vantaggi "dell'abitare condiviso", dando la disponibilità della categoria al legislatore per costruire "un modello più ampio possibile di tutela per tutti i soggetti fragili, o meno fragili". In particolare, come illustrato dalla consigliera nazionale Alessandra Mascellaro, le potenzialità del 'senior co-housing' vanno dal realizzare "l'abitare condiviso, ma con le funzioni essenziali in autonomia per ogni anziano" all'azzeramento del consumo del suolo, "oltre a essere una leva per la rigenerazione urbana e per il rilancio dell'"industria edilizia di qualità", attraverso opere diffuse di riqualificazione ecosostenibile degli immobili residenziali e il riuso del patrimonio costruito, attuati sulla base di atti di pianificazione, o programmazione regionale o comunale", fino al "miglioramento della qualità di vita degli anziani, perché si ottiene un risparmio fino al 30% dei costi di vita, si ha maggiore sicurezza personale, migliore assistenza alla persona anziana e socialità diffusa". A seguire, "nella declinazione della coabitazione intergenerazionale" si ha pure la chance di "integrare giovani in condizioni svantaggiate".
    Per il Notariato, dunque, "sarebbe opportuno inserire la previsione legislativa di uno schema contrattuale nuovo, che possa raccogliere le molteplici istanze sociali", e gli esponenti della categoria professionale potranno "contribuire, con la propria opera, a consigliare e dare certezza al rapporto di convivenza che si andrà a creare".
    Mascellaro, infine, ha ricordato gli esiti di una ricerca, in base alla quale "l'80,4% delle famiglie italiane sono proprietarie della casa in cui abitano", e "nel 2041 gli over 65 anni saranno il 60% del numero totale di persone sole".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza