/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bennato incanta Delhi con Sponda Sud e musicisti del Rajasthan

Bennato incanta Delhi con Sponda Sud e musicisti del Rajasthan

"La musica popolare parla ovunque una sola lingua, quella della gente semplice, che si oppone ai potenti.

NEW DELHI, 01 giugno 2023, 09:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(ANSA) - NEW DELHI, 01 GIU - "La musica popolare parla ovunque una sola lingua, quella della gente semplice, che si oppone ai potenti. Lo abbiamo sentito anche in questa session improvvisata, che mi ha commosso per la sua forza": Eugenio Bennato ha commentato così il concerto tenuto alla Bikaner House di New Delhi, dove, di fronte a un pubblico entusiasta, si è esibito con la sua band assieme al gruppo di musicisti indiani Yar Mohammad, del Rajasthan.
    Il concerto, organizzato dall'Ambasciata italiana e dall'Istituto italiano di cultura di New Delhi, è stato definito da Sanjeev Barghava, fondatore dell'agenzia Seher, che ha messo in contatto gli artisti, "ipnotico".
    Bennato ha incrociato le sue composizioni, da "Sponda Sud" a "Brigante che more" con i ritmi e le melodie della tradizione folk del nord dell'India.
    "L'intesa musicale è scattata immediatamente", dice l'artista, al suo primo viaggio in India. "Non ci eravamo mai incontrati, prima di questa mattina: mi piace pensare che questo sia l'inizio di una nuova collaborazione. L'India ha una profondissima cultura popolare, che vorrei inserire nel progetto con cui sto dando voce a tutti i Sud del mondo".
    "Le nostre taranta e pizzica, musiche di piazza e di strada, si sono incrociate immediatamente con i canti del Rajasthan, che spesso hanno un'origine religiosa", aggiunge il fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare.
    "Mi hanno colpito i movimenti con cui gli artisti indiani eseguono la musica e l'espressione dei loro occhi, nei quali ho visto la preghiera".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza