Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gaza, tre britannici e un americano tra i 7 volontari uccisi. Usa: indignati, serve indagine completa

Gaza, tre britannici e un americano tra i 7 volontari uccisi. Usa: indignati, serve indagine completa

Biden: proteggere gli operatori umanitari. Tajani: Israele faccia chiarezza

TEL AVIV, 02 aprile 2024, 21:00

Redazione ANSA

ANSACheck

COMBO dipendenti World Central Kitchen morti a Gaza - RIPRODUZIONE RISERVATA

 Sette operatori umanitari tragicamente uccisi a Gaza. E' il bilancio di un attacco israeliano compiuto da un drone la scorsa notte su tre veicoli del World Center Kitchen a Deir el-Balah, nel centro della Striscia, che ha provocato un'ondata di sdegno internazionale. I sette - 3 britannici, un polacco, un'australiana, uno statunitense e l'autista palestinese - erano a bordo di tre veicoli della ong con insegne sul tetto riconoscibili e lungo un percorso concordato con l'Idf.
La loro uccisione è stata condannata da tutto il mondo, Occidente in primis, con la richiesta pressante e ineludibile di un'indagine trasparente e immediata da parte di Israele, chiamato a rendere conto di un'azione che non ha giustificazioni. La Casa Bianca, assieme a molti esponenti europei, si è detta "indignata", mentre Joe Biden ha chiamato direttamente il capo della Wck, lo chef spagnolo José Andres, per esprimere condoglianze per la morte dei suoi collaboratori e annunciare che renderà chiaro a Israele che gli operatori umanitari vanno protetti.
Sia l'esercito israeliano - che si è addossato la responsabilità dell'attacco - sia il premier Benyamin Netanyahu hanno chiesto scusa e concordato l'avvio di un'inchiesta "ad alto livello" militare per appurare come l'attacco al Wck sia potuto avvenire, promettendo di rendere pubblici i risultati.
"E' stato un tragico incidente - ha detto Netanyahu - in cui le nostre forze hanno colpito senza intenzione gente innocente nella Striscia. Siamo in contatto con i governi coinvolti e faremo di tutto per assicurare che questo non accada più".
A centrare le tre auto - secondo una ricostruzione fornita da Haaretz - sono stati tre razzi sparati in rapida successione da un drone Hermes 450 nella presunzione che del gruppo dei 7 operatori facessero parte uno o più "terroristi armati". La decisione di sparare sarebbe stata presa da un'unità israeliana a guardia del percorso. L'attacco è avvenuto subito dopo che i tre veicoli avevano lasciato il deposito dove la squadra aveva scaricato più di 100 tonnellate di aiuti alimentari. Mentre il convoglio stava percorrendo il percorso approvato, è scattato il raid con "l'ordine della sala operativa di colpire". Prima è stata centrata un'auto e i passeggeri hanno tentato di salire sulla seconda. Anche quella è stata colpita subito dopo, nonostante chi era a bordo avesse ormai segnalato l'aggressione all'esercito. "La terza macchina del convoglio - ha riferito ancora Haaretz - si è avvicinata e i passeggeri hanno cominciato a trasferirvi i feriti sopravvissuti al secondo attacco. Ma un terzo missile ha colpito anche loro". Per i 7 operatori umanitari non c'è stato scampo.
Il raid ha avuto ripercussioni immediate. La Gran Bretagna - che ha visto tre suoi cittadini uccisi - ha fatto un passo formale convocando l'ambasciatore israeliano a Londra per chiedere risposte. Il segretario di Stato Usa Antony Blinken ha invocato "un'indagine rapida e imparziale", mentre la Commissione Ue ha denunciato che "gli operatori umanitari devono essere sempre protetti, in linea con il diritto umanitario internazionale". Il ministro degli Esteri Antonio Tajani, associandosi alla comunità internazionale, ha chiesto a Israele "di fare chiarezza: rispetto del diritto umanitario e tutela dei civili sono prioritari".
La World Center Kitchen ha immediatamente sospeso ogni attività nella Striscia e altre ong, come American Near East Refugee Aid, hanno annunciato provvedimenti analoghi. Una decisione che rischia inevitabilmente di ricadere sulla già precaria assistenza alla popolazione civile. Oscar Camps, il fondatore della Open Arms attiva a Gaza, ha ricordato che le ong sono nella Striscia "perché soffrivamo per la morte dei civili; ora anche per il vuoto irreparabile che lascia la perdita dei nostri compagni della squadra del World Central Kitchen". 

Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, "condanna" l'attacco contro l'Iran a Damasco e riafferma che "il principio dell'inviolabilità delle sedi e del personale diplomatico e consolare deve essere rispettato in ogni caso in conformità con il diritto internazionale". In una nota del portavoce, Stephane Dujarric "invita tutti gli interessati a esercitare la massima moderazione ed evitare un'ulteriore escalation. Qualsiasi errore di calcolo potrebbe portare a un conflitto più ampio in una regione già instabile, con conseguenze devastanti per i civili". 

Gli Usa non hanno "nulla a che fare" con il raid sul consolato iraniano a Damasco: lo ha detto il portavoce del consiglio per la sicurezza nazionale Usa John Kirby. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza