Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Madame Camorra, nuovo libro di Giovanni Terzi

Madame Camorra, nuovo libro di Giovanni Terzi

Biografia romanzata della boss Pupetta Maresca

ROMA, 23 febbraio 2024, 15:53

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

GIOVANNI TERZI, MADAME CAMORRA - BIOGRAFIA NON AUTORIZZATA DI PUPETTA MARESCA (VALLECCHI, PP.
    188, EURO 18) Giovanni Terzi, giornalista e scrittore, racconta sessant'anni di malavita napoletana attraverso la biografia romanzata di Assunta 'Pupetta' Maresca, boss della camorra, nata nel '35, e morta a Castellammare di Stabia, nel 2021, all'età di 86 anni. Il libro si apre con un motoscafo dei contrabbandieri che nottetempo solca il mare, è un'imbarcazione nera "e quasi invisibile all'occhio umano". Trasporta sigarette, "le bionde, come le chiamano in certi ambienti". Una volta a terra "decine di ragazzi riempivano di sigarette diverse auto modello Alfetta, private dei sedili per fare più spazio, e sfrecciavano verso i nascondigli di vari quartieri napoletani. Poi venivano vendute su piccole bancarelle di legno agli angoli delle strade". Il viavai dei trafficanti si interrompe di colpo e lascia il posto ai pensieri di Pupetta, ormai anziana e malata; quando entra in scena è "drammaticamente sola" in un "appartamento costruito come una fortezza inespugnabile". La casa è arredata in stile barocco, in camera da letto "sul comodino sono appoggiati i suoi due cellulari e una pistola calibro 7.65". Sente "un dolore al petto, improvviso e violentissimo" e "un formicolio al braccio".
    Pupetta, tra sonno e veglia, dialoga con il figlio morto Pascalino; lo vede avvolto dalla nebbia e "ricoperto di sangue".
    Il dolore per la perdita del figlio è uno dei fili conduttori della trama, fino all'ultima pagina, quando la donna, in fin di vita, "centellinando il fiato e le forze", farà domande su un "segreto inconfessabile".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza