Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Edith Bruck, 'il cinema, mia grande faticosa vacanza'

Edith Bruck, 'il cinema, mia grande faticosa vacanza'

92enne sopravvissuta a Olocausto vince il Nastro e ricorda Risi

ROMA, 27 febbraio 2024, 16:33

Redazione ANSA

ANSACheck

Foto Leonardo Puccini Courtesy SNGCI - RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto Leonardo Puccini Courtesy SNGCI -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Foto Leonardo Puccini Courtesy SNGCI - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Il cinema? La mia grande faticosa vacanza", dice la scrittrice poetessa Edith Bruck ricevendo una standing ovation ai Nastri d'argento per i documentari. Cammina a fatica, "sono cinque mesi che non esco di casa, ho due ossicini rotti ma non potevo mancare, volevo a tutti i costi togliermi il pigiama, vestirmi bene e venire a ritirare il premio", dice una delle ultime persone sopravvissute all'Olocausto ancora in vita.
    Ha 92 anni e il documentario 'Edith' a lei dedicato da Michele Mally ha vinto il Nastro tra i documentari di Cinema, cultura e spettacoli (insieme a Io, noi e Gaber di Riccardo Milani), un film realizzato da 3D Produzioni in collaborazione con La7 e che il compianto Andrea Purgatori trasmise in una puntata del suo Atlantide. La statuetta "troverà posto accanto a quello che vinse tanti anni fa mio marito grande documentarista Nelo Risi, fratello di Dino".
    Bruck dice: "Scriverò fino all'ultimo minuto della mia vita, una vita che è stata interamente condizionata dall'essere una sopravvissuta alla Shoah, fiera di essere una testimone instancabile tra i ragazzi da moltissimi anni".
    Ultima di sei figli di una povera famiglia ebraica, nata in un villaggio ungherese ai confini con la Slovacchia, deportata a 13 anni ad Auschwitz e poi in altri campi tedeschi: Kaufering, Landsberg, Dachau, Christianstadt e, infine, Bergen-Belsen, dove verrà liberata, insieme alla sorella, nell'aprile del 1945, l'autrice tra gli altri dell'autobiografico Pane Perduto ha un passato anche di regista e sceneggiatrice. "Ho ancora tanti progetti - conclude -. La lingua ungherese mi fa male ancora oggi, me ne sono liberata scrivendo in italiano".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza