Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fondazione Tirelli vuole donare dipinto del 1100 a museo britannico

Fondazione Tirelli vuole donare dipinto del 1100 a museo britannico

Il legale rappresentante avrebbe ricevuto importanti offerte

TRIESTE, 04 marzo 2024, 20:06

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Fondazione Tirelli, proprietaria di un'opera pittorica definita "trittico Tirel" che viene fatta risalire al 1100, sarebbe orientata a "trovare un accordo con le autorità museali britanniche", una "autorità pubblica, senza fine di lucro", per "collocare l'opera in un contesto di mostra permanente nell'area di Kirkwall, in Scozia", in pratica una donazione. Lo scrive in una nota il legale della Fondazione, Alexandro Maria Tirelli, che segnala, e ringrazia, "per l'interessamento proveniente dagli acquirenti Sauditi per la cospicua offerta proposta per l'acquisizione" del dipinto e per un "notissimo tycoon americano che si è fatto avanti attraverso uno studio legale newyorkese".
    Nello stesso comunicato si spiega che "il dipinto narra la discesa di questo nucleo familiare di guerrieri dalle isole Orcadi verso la Normandia e la conversione al culto Cristiano.
    E' certo che lo stesso nome Tirel non significasse altro che devoto a Tyr, uno degli dei della mitologia norrena e vichinga".
    Anche "la narrazione affrescata dell'assassinio del sovrano inglese Guglielmo II suggerisce l'opportunità del ritorno del capolavoro verso la loro casa, le isole britanniche". Per questo, dunque, "la Fondazione è orientata a trovare un accordo con una autorità pubblica, senza fine di lucro". L'opera, precisa ancora Tirelli, era "conservata fino a molti anni orsono in un fondo in Campania e già da alcuni decenni si trova all'estero".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza