Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ragazzo ucciso e mutilato, per pm c'è premeditazione e crudeltà

Ragazzo ucciso e mutilato, per pm c'è premeditazione e crudeltà

Chiuse le indagini sui due datori di lavoro della vittima

GENOVA, 27 febbraio 2024, 15:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Omicidio premeditato commesso per futili e abietti motivi. E' quanto contesta la procura di Genova a Kamel Abdelwahab detto Tito, e ad Abdelwahab Ahmed Gamal Kame, detto Bob, in carcere dalla scorsa estate per l'omicidio di Mahmoud Abdallah. L'egiziano di 19 anni era stato trovato senza testa e mani la scorsa estate al largo di Santa Margherita Ligure (Genova). La pm Daniela Pischetola ha chiuso le indagini e mandato l'avviso ai difensori dei due.
    Tito era stato sentito nei giorni scorsi e aveva dato la colpa a Bob. Aveva però ammesso che avevano agito perché il ragazzo, che lavorava per loro nella barberia di Sestri Ponente a Genova, li voleva denunciare. La chiusura delle indagini arriva dopo il deposito delle perizie sui telefoni dei due.
    Dall'analisi sarebbe emerso che Mohamed Alì, detto Aly, il titolare della barberia di via Merano e mai indagato, avrebbe detto a Tito poche ore dopo il delitto di cancellare le chat. Il titolare della barberia era andato in Egitto il 26 giugno, dopo che il 19 la guardia di finanza aveva compiuto un'ispezione nel suo salone, durante la quale la vittima aveva denunciato irregolarità nella gestione dei lavoratori.
    I carabinieri avevano già scoperto che la mattina del 23 luglio, poche ore prima di essere ucciso, Mahmoud aveva ricevuto diverse telefonate da Aly e Bob. In una di queste, il titolare aveva detto alla vittima di andare a Sestri, dove gli avrebbero dato i soldi che gli spettavano come liquidazione visto che voleva andare a lavorare per un barbiere concorrente.
    Nell'appartamento dormitorio, secondo l'accusa, i due lo avrebbero invece ucciso con un coltello e poi fatto a pezzi con una mannaia comprati poche ore prima in un negozio. Avrebbero poi messo il corpo in un trolley e lo avrebbero portato a Santa Margherita dove avrebbero buttato in mare la testa e le mani per non farlo riconoscere.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza