Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ascoli Piceno intitola un parco a Emanuela Loi

Ascoli Piceno intitola un parco a Emanuela Loi

Alla cerimonia anche il vice capo della Polizia Rizzi

ANCONA, 23 febbraio 2024, 18:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il prefetto Vittorio Rizzi, vice direttore generale della Pubblica sicurezza con funzioni vicarie, ha partecipato oggi ad Ascoli Piceno alla cerimonia di intitolazione del parco di via Verdi alla memoria dell'agente della Polizia di Stato Emanuela Loi, uccisa in via D'Amelio per mano mafiosa e prima donna della Polizia di Stato vittima di attentato.
    Alla cerimonia hanno partecipato il questore di Ascoli Piceno Giuseppe Simonelli, il sindaco Marco Fioravanti, il prefetto Sante Copponi, l'arcivescovo emerito di Pesaro mons. Piero Coccia. "L'intitolazione del parco pubblico alla giovane poliziotta caduta in servizio, il cui nominativo è custodito nel sacrario dell'Istituto Superiore di Polizia, rappresenta motivo di profondo orgoglio per tutto il personale della Polizia di Stato e per l'intera comunità della provincia di Ascoli Piceno" ha detto il questore Simonelli, che ha letto una lettera di saluto inviata dalla sorella di Emanuela Loi, Claudia.
    Nel suo intervento, il vice capo della Polizia Rizzi ha ripercorso brevemente la storia di Emanuela Loi. "Entrata nella Polizia di Stato quasi per caso, è stata destinata al reparto scorte della Questura di Palermo e la prima persona che ha protetto è il futuro presidente della Repubblica Sergio Mattarella" ha raccontato agli studenti presenti alla cerimonia.
    "Dopo qualche tempo è stata assegnata alla scorta di Paolo Borsellino e insieme a lui ed altri quattro colleghi della Polizia di Stato, a soli 24 anni, è morta in via D'Amelio il 19 luglio del 1992". Il prefetto Rizzi ha poi ricordato il coraggio di Emanuela che "era capace di rassicurare i suoi genitori, preoccupati per i rischi che correva. Quel coraggio e quella passione, saranno ora ricordati da tutte le famiglie che frequenteranno il giardino a lei dedicato" ha concluso. "Il Comune di Ascoli ha voluto intitolare il parco all'agente Loi perché - ha spiegato il sindaco Fioravanti - qui sono cresciute generazioni di ascolani ed è motivo di orgoglio intitolarlo ad una grande donna come Emanuela Loi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza