Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fondi alla Necropoli Li Muri per la corsa a patrimonio Unesco

Fondi alla Necropoli Li Muri per la corsa a patrimonio Unesco

Arrivano a comune Arzachena risorse regionali per 200mila euro

ARZACHENA, 13 ottobre 2023, 18:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

È uno dei ritrovamenti più antichi nel comune di Arzachena, risalente al periodo del Neolitico medio, 4.400-4.000 a.C., un sito che in Sardegna sembra essere diffuso soltanto in Gallura: è la necropoli Li Muri, pronta ad entrare nella lista dei beni patrimonio dell'umanità dell'Unesco. La corsa intrapresa dall'amministrazione comunale può ora contare su un contributo regionale di 200mila euro per finanziare il progetto di valorizzazione e conservazione del sito archeologico già gestito dalla ge.se.co Arzachena.
    "Per qualificare il sito ai fini di una favorevole valutazione per l'accreditamento, sono necessari interventi funzionali a garanzia di una migliore fruizione del sito", spiega la delegata alla Cultura del comune Valentina Geromino. I fondi verranno utilizzati per l'installazione di un impianto di videosorveglianza e l'integrazione dell'illuminazione, per la manutenzione delle recinzioni e dei percorsi di accesso, la pulitura delle lastre, lo studio e la catalogazione dei reperti conservati attualmente nel museo Sanna di Sassari. Verranno creati degli strumenti interattivi per favorire la divulgazione del materiale multimediale disponibile, oltre a dei modelli in scala utili per le scuole e i visitatori con disabilità.
    Composto da 4 circoli negalitici e da un quinto trasformato in una piccola tomba a galleria durante l'età del bronzo, il sito di Li Muri riveste una notevole importanza: la tipologia di sepoltura in circolo è conosciuta al momento solo in questa parte di Sardegna e rappresenta la manifestazione più antica del malitismo funerario.
    Insieme a Li Muri, è stata avviata la candidatura Unesco anche per la tomba dei Giganti di Coddhu Ecchju. Situata nei pressi del nuraghe Sa Prisgiona, è realizzata in granito locale e venne edificata in tre fasi: la prima durante il calcolitico, quando si costruì l'originario dolmen a corridoio di circa 10 metri di lunghezza, la seconda durante il bronzo antico, con la riutilizzazione da parte delle genti della cultura di Bonnanaro, la terza di ristrutturazione, a cui si deve l'innalzamento delle stele e l'aggiunta dell'esedra, durante il bronzo medio, in piena epoca nuragica.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza