Professioni

Incidenti lavoro: fisici-chimici, pronti aiutare Legislatore

'Aumento infortuni evidenzia necessità investire in sicurezza'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 04 OTT - La Federazione nazionale degli Ordini dei chimici e dei fisici accoglie "con grande favore l'intenzione manifestata dal Governo di voler porre rimedio a questa grave situazione, e conferma la propria disponibilità a supportare il Legislatore dando il proprio contributo nella stesura di documenti tecnici e linee guida, e a diffondere nel Paese una cultura della sicurezza rivolta a lavoratori e studenti, con la collaborazione dei colleghi presenti in tutta Italia". Lo si legge in una nota, a proposito degli ultimi incidenti mortali sul lavoro, nella quale i professionisti scrivono di "cogliere l'occasione per evidenziare che circa il 30% dei nostri iscritti opera nel settore industriale proprio nella formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, nei monitoraggi ambientali di agenti chimici e fisici, e nell'assunzione di ruolo di responsabile del servizio di prevenzione e protezione. L'andamento costante di infortuni e morti bianche, associato anche a malattie professionali, evidenzia la necessità di investire nell'ambito della salute e sicurezza sul lavoro non limitandosi a politiche di tipo ispettivo (i controlli) ma promuovendo la presenza di competenze e figure all'interno delle imprese", si legge ancora. "Solo con la competenza in ambito chimico e fisico si possono prevenire rischi correlati all'impiego di prodotti, sostanze, gestione rifiuti, lavori in spazi confinati, gas, etc" ed è "necessario che si garantisca ai lavoratori ed alle imprese la certezza di poter avere delle valutazioni efficaci ed efficienti a salvaguardia e prevenzione della salute del lavoratore, e nel beneficio di tutta la collettività", si chiude la nota degli Ordini dei fisici e dei chimici. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


    Modifica consenso Cookie