Professioni

Superbonus: architetti, ok proroga, avanti svolta ambientale

Miceli, incentivo 110% sia 'strutturale dentro nuove strategie'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 29 SET - Pollice in su del Consiglio Nazionale degli architetti in merito alla proroga al 2023 del Superbonus, contenuta nella nota di accompagnamento al Def, che sottolinea, tuttavia, alcune criticità.
    Per il presidente, Francesco Miceli, infatti, "il provvedimento ha certamente consentito la ripresa del settore delle costruzioni colpito già dal 2008 da una profonda crisi strutturale che è stata fortemente aggravata dall'emergenza pandemica. A questo importante risultato economico non si è, però, aggiunto un risultato altrettanto apprezzabile sul piano ambientale, a causa dello stato del nostro patrimonio edilizio, vecchio ed obsoleto, sul quale gli interventi sono stati necessariamente poco incisivi". A giudizio del numero uno dell'Ordine professionale, "per realizzare quella svolta epocale in materia ambientale che tutti auspichiamo occorre inserire l'Agenda Urbana tra le priorità del Governo e definire politiche efficaci che abbiano al centro il futuro sostenibile delle città. Serve, quindi, che, nel tempo, il Superbonus diventi una misura strutturale all'interno di nuove strategie, basate sulla rigenerazione urbana, puntando, non su interventi a pioggia, o episodici, ma su interventi integrati in ambito urbano, introducendo una sorta di Superbonus urbano. Tutto ciò - chiude Miceli - al fine di avviare azioni concrete verso la riqualificazione urbana ed energetica delle periferie, la qualità degli spazi urbani, l'efficienza delle reti tecnologiche urbane alimentate da energia rinnovabile, il potenziamento del verde, la mobilità dolce", termina la nota degli architetti.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie