Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Coldiretti, Città metropolitana ha approvato controllo piccioni

Coldiretti, Città metropolitana ha approvato controllo piccioni

Sono 2,5 milioni e causano danni per 5 milioni di euro

TORINO, 16 febbraio 2024, 10:32

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Coldiretti di Torino rende noto che il Consiglio metropolitano di Torino ha approvato il "Piano di controllo del colombo sul territorio della Città metropolitana di Torino", che arriva dopo "una lunga battaglia condotta proprio da Coldiretti Torino per avviare finalmente un contenimento di questa specie che provoca danni enormi anche all'agricoltura".
    "Ci siamo mossi a fronte all'esasperazione degli agricoltori - ricorda il presidente di Coldiretti Torino, Bruno Mecca Cici -. Sempre più soci vengono nei nostri uffici di zona a chiedere misure di depopolamento dei piccioni. Sapevamo che il Piccione può essere oggetto di contenimento grazie a una sentenza della Corte di Cassazione, che risale al 2004".
    La difesa dai piccioni potrà avvenire con metodologie diverse, dalla dissuasione sonora alla cattura, fino all'abbattimento diretto con fucile da caccia. Le carcasse dei piccioni dovranno essere smaltite. Tra i metodi di smaltimento consentiti nelle aree di campagna c'è anche il semplice sotterramento sotto 50 centimetri di terreno ad almeno 200 metri di distanza da pozzi e corsi d'acqua.
    Elaborando i dati contenuti negli studi preliminari che hanno accompagnato la redazione del piano, Coldiretti Torino stima una presenza, su tutto il territorio di pianura e collina della Città metropolitana, di circa 2 milioni e 500mila esemplari di Piccione. La stima dei danni al solo comparto agricolo è di una perdita di circa 400mila quintali di cereali, soia, girasole, tra perdite in campo, germogli appena nati, mangimi animali becchettati; per un valore che Coldiretti Torino stima in circa 5 milioni di euro l'anno. Ma per l'allevamento i danni potrebbero essere ancora maggiori, perché il Piccione rappresenta una possibile fonte di trasmissioni di patologie o di malattie gastrointestinali nel bestiame nelle stalle.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza