Percorso:ANSA > Nuova Europa > Altre News > Grecia, il capostazione deve presentarsi in tribunale +++RPT

Grecia, il capostazione deve presentarsi in tribunale +++RPT

Mentre la rabbia ribolle per il disastro ferroviario

04 marzo, 18:18
(ANSA-AFP) - ATENE, 04 MAR - Il capostazione coinvolto nel peggior disastro ferroviario mai avvenuto in Grecia avrebbe dovuto comparire in tribunale sabato dopo le proteste di massa scoppiate per l'incidente che ha ucciso almeno 57 persone.

Migliaia di manifestanti hanno manifestato in tutto il Paese dopo la collisione di martedì tra un treno passeggeri e un treno merci, con la rabbia dell'opinione pubblica per l'incapacità del governo di gestire la rete ferroviaria.

Il capostazione di Larissa, nella Grecia centrale, 59 anni, ha ammesso la responsabilità dell'incidente, dopo aver visto i due treni correre sullo stesso binario per diversi chilometri.

Il treno trasportava molti studenti di ritorno da un weekend di vacanza e almeno nove giovani che studiavano all'Università Aristotele di Salonicco sono morti, mentre altri 26 sono rimasti feriti.

Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis, che si candida alla rielezione in primavera, ha attribuito la colpa del disastro a un "tragico errore umano". Ma le proteste che accusano la cattiva gestione del governo sono continuate venerdì nella capitale Atene e in diverse città della Grecia, e altre sono previste per il fine settimana.

"Quello che è successo non è stato un incidente, è stato un crimine", ha dichiarato Sophia Hatzopoulou, 23 anni, studentessa di filosofia a Salonicco, visibilmente arrabbiata. "Non possiamo assistere a tutto questo e rimanere indifferenti". Ha aggiunto che lei e i suoi compagni di classe "conoscevano persone uccise o ferite". "È come se una parte di noi fosse andata persa".

Il capostazione dovrà comparire in tribunale sabato con l'accusa di omicidio colposo. Rischia l'ergastolo se verrà giudicato colpevole, ma il suo avvocato ha sostenuto che ci sono altri fattori in gioco. "Il mio cliente si è assunto la sua parte di responsabilità", ha dichiarato giovedì l'avvocato Stefanos Pantzartzidis. "Ma non dobbiamo concentrarci su un albero quando dietro c'è una foresta". L'emittente pubblica del Paese ERT ha riferito che il capostazione era stato nominato in quel posto solo 40 giorni prima, e dopo soli tre mesi di formazione.

- In disperata attesa di notizie - Migliaia di persone si sono radunate davanti alla sede di Atene dell'operatore Hellenic Train per protestare contro decenni di mancato miglioramento della sicurezza della rete ferroviaria, nonostante gli incidenti sfiorati negli anni passati. La folla ha gridato "Assassini!" e alcuni manifestanti hanno scritto questa parola in rosso sulla facciata di vetro dell'edificio. Centinaia di persone hanno osservato un minuto di silenzio fuori dal Parlamento greco in omaggio alle vittime del disastro. Più tardi, venerdì, la polizia antisommossa e un piccolo gruppo di manifestanti si sono scontrati nel centro di Atene, a margine di una veglia a lume di candela per le vittime dell'incidente. Durante la manifestazione in piazza Syntagma, adiacente al Parlamento, gli agenti hanno sparato gas lacrimogeni e granate stordenti contro i manifestanti che lanciavano pietre e bombe molotov, come ha riferito un giornalista dell'AFP.

Circa 3.000 persone hanno partecipato alla manifestazione. Un numero simile di persone ha manifestato a Salonicco, la seconda città più grande della Grecia, dove la polizia ha riferito di scontri giovedì con manifestanti che lanciavano pietre e bombe molotov. Venerdì si sono svolte manifestazioni anche in altre città greche: circa 700 persone hanno manifestato a Larissa, la città più vicina al luogo del disastro, mentre 500 hanno manifestato nella città universitaria di Patros, nel Peloponneso sud-occidentale, secondo la polizia. Domenica, alle 11.00 (09.00 GMT), è prevista una nuova manifestazione in piazza Syntagma. I sopravvissuti all'incidente hanno descritto scene di orrore e caos. Alcuni parenti erano ancora in disperata attesa di notizie sui loro cari dispersi. Roubini Leontari, il medico legale capo dell'ospedale generale di Larissa, ha dichiarato giovedì all'ERT che più di 10 persone erano ancora irreperibili, tra cui due ciprioti. Giovedì i servizi ferroviari greci sono stati paralizzati dallo sciopero dei lavoratori che sostenevano che la cattiva gestione della rete da parte delle amministrazioni successive aveva contribuito alla collisione mortale. Lo sciopero è proseguito venerdì ed è destinato a continuare per altre 48 ore. - "Valutazione completa" - I sindacati ferroviari affermano che i problemi di sicurezza sulla linea ferroviaria Atene-Salonicco erano noti da anni. Fonti legali hanno suggerito che gli investigatori stavano valutando la possibilità di formulare accuse penali contro i membri della direzione di Hellenic Train. La polizia ha sequestrato file audio e altri oggetti durante un'irruzione nella stazione ferroviaria di Larissa, nella Grecia centrale, dove è avvenuto l'incidente, ha dichiarato una fonte giudiziaria all'AFP. Per decenni la rete ferroviaria greca, lunga 2.552 chilometri, è stata afflitta da cattiva gestione, scarsa manutenzione e attrezzature obsolete.

Dopo le dimissioni del ministro dei trasporti del Paese, avvenute mercoledì in seguito all'incidente, il suo sostituto, Giorgos Gerapetritis, ha promesso una "valutazione completa del sistema politico e dello Stato". I sistemi di sicurezza sulla linea non sono ancora completamente automatizzati.

bur-jj/gw/mca/dhc / (ANSA-AFP).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati