Percorso:ANSA > Nuova Europa > Altre News > Consiglio Europa, bene tutela minoranza italiana in Slovenia

Consiglio Europa, bene tutela minoranza italiana in Slovenia

Report: 'Con quella ungherese gode di riconoscimento speciale'

22 settembre, 12:49
(ANSA) - STRASBURGO, 22 SET - La minoranza italiana, insieme a quella ungherese, è quella che è meglio protetta dalle leggi e gode di più 'vantaggi' in Slovenia. Lo rivela l'ultimo rapporto del comitato consultivo sulla Convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali, organo del Consiglio d'Europa. Le minoranze italiane e ungheresi sono le uniche riconosciute come "comunità nazionali" nella Costituzione slovena, a differenza della comunità Rom, dei gruppi che parlano il tedesco e delle minoranze albanese, bosniache, croate, macedoni, montenegrine e serbe. Questo offre loro dei vantaggi che il comitato vorrebbe fossero estesi alle altre comunità. Ad esempio, nei comuni in cui vivono le minoranze italiana e ungherese, tutti gli enti pubblici hanno l'obbligo di comunicare e lavorare in lingua italiana o ungherese quando ne viene fatta richiesta o quando una persona, non solo un membro di una minoranza, utilizza una delle due lingue. Questo vale anche per i procedimenti giudiziari. I moduli amministrativi, le procedure, gli atti, i siti web e le insegne degli edifici sono bilingui e i dipendenti pubblici ricevono un bonus per il bilinguismo. Inoltre lo Stato sloveno, attraverso il ministero della Cultura, continua a sostenere finanziariamente i programmi culturali proposti dalle minoranze italiane e ungheresi. Nel 2021, gli stanziamenti ammontavano a 485.630 euro per il programma culturale ungherese e a 356.191 euro per quello italiano. L'italiano è infine l'unica lingua insegnata a tutti i livelli e anche quella che gode del maggiore numero di ore di programmazione televisiva e radiofonica attraverso un canale specifico dell'emittente pubblica. A questo proposito la minoranza italiana ha informato il Comitato consultivo delle difficoltà di reclutamento di giornalisti di lingua italiana, un punto su cui Strasburgo raccomanda alle autorità slovene di fare progressi. (ANSA).

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati