Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tutelare il Nord Adriatico, varate azioni transnazionali

Tutelare il Nord Adriatico, varate azioni transnazionali

Conferenza finale di Namirs con Italia, Croazia e Slovenia

TRIESTE, 20 febbraio 2024, 18:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un percorso formativo avanzato per gestire gli interventi anti-inquinamento sia in mare che lungo le coste, ma anche un lavoro di analisi e valutazione dei rischi connessi all'inquinamento da idrocarburi per il bacino del Nord Adriatico, che ha permesso di individuare le aree particolarmente sensibili, così da dare priorità d'intervento in caso di inquinamento marino accidentale.
    Sono alcuni risultati di due anni di lavoro del progetto transnazionale North Adriatic maritime incident response system (Namirs), i cui rappresentanti di Italia, Croazia e Slovenia si sono riuniti oggi nella sede dell'Iniziativa centro europea per la conferenza finale.
    Il segretario generale dell'Ince, Roberto Antonione, ha ribadito - come riporta una nota - l'importanza della cooperazione internazionale nell'affrontare i disastri ambientali, augurandosi che un simile livello di collaborazione possa essere esteso a tutto il mare Adriatico, e ha auspicato che le istituzioni possano assicurare un quadro di collaborazione permanente per la salvaguardia del mare Adriatico e delle sue risorse. "È palese che le tematiche ambientali non abbiano confini. Per questo nel prossimo futuro continuerà il dialogo con il governo, in particolare con i ministri Pichetto Fratin e Musumeci per far diventare questo progetto permanente e Trieste", ha affermato l'assessore regionale alla Difesa dell'ambiente, Fabio Scoccimarro.
    Da parte slovena è intervenuto Rok Kamensek, a capo dell'ufficio regionale del litorale dell'Amministrazione slovena per la protezione civile e i soccorsi in caso di catastrofi, rimarcando il ruolo cruciale giocato dalle attività di formazione congiunte e regolari. Damian Dundovic, capo settore per il Centro nazionale sulla sicurezza della navigazione presso il ministero croato del Mare, dei Trasporti e delle Infrastrutture, ha riaffermato il supporto della Repubblica croata a progetti simili a Namirs e alla cooperazione internazionale trilaterale per la salvaguardia del mar Adriatico.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.