Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tajani, foibe e esodo furono veri propri atti pulizia etnica

Tajani, foibe e esodo furono veri propri atti pulizia etnica

'Ricordare doveroso ma non significa riaprire antichi conflitti'

ROMA, 09 febbraio 2024, 13:46

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La vicenda dolorosa delle foibe, e il conseguente esodo forzato istriano e giuliano-dalmata, furono veri e propri atti di pulizia etnica". Lo afferma il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani nella cerimonia al Quirinale per il Giorno del Ricordo.
    "In quei mesi - sostiene Tajani - alla fine di un tragico conflitto, il più deteriore nazionalismo e l'ideologia totalitaria si fusero, per scavare un solco sanguinoso fra le popolazioni della sponda orientale dell'Adriatico. Popolazioni che per secoli avevano convissuto, in un equilibrio complesso ma fruttuoso per quelle terre e per quelle genti. Le foibe purtroppo non sono l'unico atto di pulizia etnica che ha funestato i Balcani nel XX secolo. Si può anzi dire che abbiano anticipato altre tragedie, che mezzo secolo dopo avrebbero accompagnato la dissoluzione dell'ex-Jugoslavia. Ma naturalmente questo è il dramma che ci riguarda più da vicino, che ci tocca più dolorosamente".
    Per questo, ricorda il ministro, "il governo Berlusconi nel 2004 decise di istituire il giorno del ricordo il 10 febbraio, come doveroso omaggio alle vittime e come monito perché simili drammi non si ripetano". Ricordare "è un dovere morale, civile, politico, ma - avverte il ministro - non significa in alcun modo riaprire antichi conflitti. I responsabili di quelle stragi sono persone fisiche da tempo scomparse, inquadrate nell'ambito di una forza armata, espressione di uno Stato oggi dissolto - l'Esercito Popolare di liberazione Jugoslavo, guidato dal Maresciallo Tito - ed erano ispirate da un'ideologia sconfitta dalla storia. Gli Stati che hanno preso il posto dell'ex-Jugoslavia non hanno alcuna responsabilità delle violenze di allora".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.