Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Santa Cecilia Vìkingur Olafsson nelle Variazioni Goldberg

A Santa Cecilia Vìkingur Olafsson nelle Variazioni Goldberg

Il 13 novembre pianista islandese nel capolavoro di Bach

ROMA, 11 novembre 2023, 16:32

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Appuntamento da non perdere il 13 novembre per la stagione da Camera di Santa Cecilia. Alle 20.30 all'Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone torna il pianista Víkingur Ólafsson, applaudito già lo scorso anno nella stagione sinfonica.
    Nato in Islanda nel 1984, Ólafsson è tra i pianisti più contesi del momento. Definito dal New York Times il Glenn Gould islandese, ha ricevuto recentemente un Opus Klassik nella categoria Strumentista dell' anno. Nel concerto romano proporrà un vero e proprio monumento della letteratura musicale per tastiera, le Variazioni Goldberg BWV 988 di Johann Sebastian Bach, recentemente registrato per l'etichetta Deutsche Grammophon. "È come scalare una montagna delle Alpi - ha detto a proposito delle Variazioni - sali in cima e lungo il tragitto vedi cose incredibili. E, come nell'Odissea, alla fine fai ritorno a casa. Quando l'Aria si ripete, è come tornare a casa dopo molte esperienze e avventure...". Secondo Nikolaus Forkel, primo biografo di Bach, le Variazioni erano state commissionate al compositore da Hermann Carl von Keyserlingk, ambasciatore russo a Dresda, che soffriva di insonnia e alleviava la monotonia delle notti in bianco ascoltando brani per clavicembalo suonati da Johann Gottlieb Goldberg, allievo di Bach. Questo aneddoto si è rivelato, tuttavia, una leggenda anche perché la prima edizione delle Variazioni non presentava alcuna dedica.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza