Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Basaglia, un nuovo umanesimo. Trieste celebra i 100 anni di nascita

Basaglia, un nuovo umanesimo. Trieste celebra i 100 anni di nascita

Due giorni di incontri e approfondimenti, l'11 e 12 marzo

TRIESTE, 01 marzo 2024, 19:32

Redazione ANSA

ANSACheck
Carceri: basagliani contro opg, in tour Cavallo Azzurro -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Carceri: basagliani contro opg, in tour Cavallo Azzurro - RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

Basaglia, nuovo umanesimo che restituì diritti a tutti L'11 marzo i 100 anni da nascita del rivoluzionario psichiatra TRIESTE (di Francesco De Filippo) "Forse i manicomi torneranno a esistere, forse saranno chiusi ma noi abbiamo dimostrato che esiste un modo diverso di assistere i malati, e la testimonianza è fondamentale". Giovanna Del Giudice, psichiatra snocciola a memoria la frase di Franco Basaglia, del cui gruppo faceva parte. Su a San Giovanni, nella parte alta di Trieste, negli anni della "rivoluzione", in questa città già tormentata da cento anni di guerra, il più matto degli psichiatri riuscì nella impossibile impresa concettuale prima e materiale poi, di distruggere i manicomi, slegare i matti, liberarli da cento anni di psichiatria fatta di contenzione ed elettrochoc, e farli uscire. Sfondarono i cancelli e dietro l'equino azzurro di cartapesta Marco Cavallo scesero in città insieme con i medici, più allegri, esuberanti e disorientati di un'armata brancaleone. Difficile capire se fosse più spaventata la gente o i matti, catapultati nello sfavillante mondo della libertà. Giovanna Del Giudice parla di "un nuovo umanesimo", di uno sguardo diverso sul mondo, e della "restituzione dei diritti ai molti che, una volta riconosciuti istituzionalmente come matti, li avevano persi". Un nuovo paradigma di pensiero, non un nuovo modello terapeutico. L'11 marzo prossimo cadranno i cento anni della nascita di Basaglia, il mondo lo ricorda, l'Italia un po' meno, sebbene ne abbia scolpito le indicazioni sanitarie (e filosofiche) nella pietra della legge, la n.180 del 13 maggio 1978 che porta il suo nome. Quella norma impose la chiusura dei manicomi e regolamentò il trattamento sanitario obbligatorio istituendo i servizi di igiene mentale pubblici. Lo ricorda Trieste, che l'ha amato e l'ha odiato, dando la prima impronta politica all'intera rivoluzione. Michele Zanetti, presidente (democristiano) della Provincia di Trieste dal 1970 al 1977, fu la "sponda" politica. Senza di lui la rivoluzione avrebbe preso altre strade. E ricorda che "all'epoca il Piccolo combatté duramente la (sua, ndr.) giunta e l'esperienza di Basaglia. Non c'è stato nessun sostegno ma solo molti attacchi". E oggi? "Oggi la politica sembra retrocedere", è la stessa "intenzione dei responsabili della salute a Trieste e Gorizia", precisa con amarezza Zanetti. Anche nel resto d'Italia. Gli scaffali delle librerie si piegano sotto il peso dei volumi vergati sull'altro, sul diverso, e sulle paure che questi esercitano su di noi, normodati dalla parte giusta della barricata. Dunque, non sorprende l'ostracismo che ancora oggi si leva davanti alle opere e al pensiero di Basaglia, prematuramente scomparso all'età di 56 anni. Ma restano quei nuovi individui degni di diritto e la convinzione che la malattia mentale si può e si deve curare. Lo sintetizza bene chi quell'eredità l'ha scelta e se l'è accollata. Cristina Montesi, medico internista medicina del territorio tra Trieste e Milano, basagliana di seconda generazione, "i principi di cambiamento della psichiatria mediati da Basaglia si sono riversati sui servizi territoriali verso una medicina della personalizzazione, una medicina del reale, contro la spersonalizzazione che può incontrare in una dimensione ospedaliera". L'assunto è semplice: "L'ospedale non si chiede da dove viene una persona, il territorio sì: ha una capacità di osservare con una dimensione di prossimità i bisogni delle persone, anche sociali, culturali. Perché la medicina è radicata nella comunità, è una visione di attenzione all'esistenza delle persone". DO/ S41 QBXK

Si intitola 'Franco Basaglia oggi: un pensiero necessario' la due giorni di incontri promossi a Trieste l'11 e 12 marzo in occasione del centenario della nascita dello psichiatra. L'iniziativa è stata presentata questa mattina ed è organizzata da ConF.Basaglia, dall'Archivio Basaglia e da Il Saggiatore, con il patrocinio del Comune di Trieste.
    Per Giovanna Del Giudice, psichiatra e presidente della ConF.Basaglia, è "una sfida proporre eventi per tutto il 2024, una sfida che ci rende orgogliosi, perché la città ancora una volta ha risposto. Credo che questa rivoluzione, fatta a Trieste, ha avuto anche come protagonista la città, altrimenti non ce l'avremmo fatta a chiudere i manicomi e a garantire i servizi territoriali per la comunità".
    Si comincia l'11 marzo al Teatro Miela, con la presentazione della riedizione degli scritti 1953-1980 di Franco Basaglia e con l'incontro 'Franco Basaglia oggi: un pensiero necessario'.
    Il 12 marzo è previsto il seminario di approfondimento e confronto 'Franco Basaglia, per continuare' alla direzione area salute mentale A e B di Trieste.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza