Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Maestre arrestate: attesa per l'interrogatorio di garanzia

Maestre arrestate: attesa per l'interrogatorio di garanzia

I genitori degli altri alunni hanno espresso incredulità

RONCHI DEI LEGIONARI, 27 febbraio 2024, 14:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Non è ancora stato fissato l'interrogatorio di garanzia, davanti al Gip di Gorizia, per le due maestre di Ronchi dei Legionari, arrestate ieri dai carabinieri in quanto ritenute responsabili di maltrattamenti nei confronti di una bambina disabile.
    Secondo quanto apprende l'ANSA, potrebbe svolgersi già nella giornata di domani: se ne saprà di più nel pomeriggio. I difensori delle insegnanti stanno prendendo visione del fascicolo contenente le accuse, corredato da video e file audio.
    Le due donne sono state poste ai domiciliari.
    Nel frattempo, stamani ci sono state le prime reazioni dei genitori degli altri alunni che frequentano il plesso. Il sentimento prevalente è quello dell'incredulità. Di fronte alla preoccupazione generale da parte delle famiglie, l'invito della comunità scolastica rimane quello di attendere il decorso della giustizia che farà luce su quanto accaduto all'interno dell'istituto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza