Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Artisti lavorano a nuove identità senza schemi ad Anacapri

Artisti lavorano a nuove identità senza schemi ad Anacapri

Festival del Paesaggio. Capri creò un modello esistenziale

TRIESTE, 09 settembre 2023, 16:38

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Comincia oggi il VII Festival del Paesaggio di Anacapri, intitolato stavolta "Building new identities - Costruire nuove identità", e dedicata all'artista ucraino scomparso a maggio Ilya Kabakov. A rendergli omaggio, con un progetto speciale, sarà la moglie Emilia Kabakov, che con Ilya era stata tra i protagonisti della rassegna 2022. Con lei, creeranno ed esporranno Paolo Canevari, Humberto e Fernando Campana, Goldschmied &Chiari (Sara Goldschmied ed Eleonora Chiari), Ibrahim Mahama, Matteo Nasini, Elisa Sighicelli, Alberto Tadiello interrogandosi sul concetto di identità fuori dagli schemi.
    Lo spunto è il clima artistico che tra '800 e '900 si respirò a Capri, anche grazie alla grande Villa che ospita il Festival, fatta costruire dal medico svedese Axel Munthe nel 1895. L'isola fu frequentata da esponenti della cultura internazionale creando una sorta di modello esistenziale alternativo a quelli dominanti e di realizzare progetti di comunità a stretto contatto con il paesaggio naturale.
    Allestita fino al 5 novembre, la rassegna, ideata e curata da Arianna Rosica e Gianluca Riccio, anima gli spazi della Fondazione Axel Munthe - Villa San Michele e altri luoghi pubblici del centro storico di Anacapri con le installazioni che gli artisti, giunti sull'isola il 3 settembre scorso, hanno realizzato sul tema site-specific.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza