Expo Dubai 2020

  1. ANSA.it
  2. Expo Dubai 2020
  3. News
  4. Expo Dubai: Padiglione Gb, IA crea poesie con parole visitatori

Expo Dubai: Padiglione Gb, IA crea poesie con parole visitatori

Da progetto di Stephen Hawking per creare messaggio universale

Redazione ANSA DUBAI

(ANSA) - DUBAI, 01 DIC - Tra gli ultimi progetti portati avanti da Stephen Hawking c'era "Breakthrough Message", una competizione globale lanciata nel 2015 dallo scienziato britannico e altri colleghi invitando le persone di tutto il mondo a immaginare quale messaggio vorremmo comunicare per esprimere noi stessi come pianeta, se un giorno dovessimo incontrare altre civiltà nello spazio. E' da questo progetto che nasce l'idea del Padiglione del Regno Unito a Expo 2020 Dubai, dove poesia e intelligenza artificiale si incontrano, sotto il motto "Innovare per un futuro condiviso".
    Il cono di 21 metri del padiglione del Regno Unito nasce dalla visione dell'artista e designer britannica Es Devlin, in collaborazione con l'agenzia di brand Avantgarde. Devlin è l'artista dietro a scenografie d'impatto realizzate per star come Beyoncé e Adele e per la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Londra 2012. All'inizio del percorso, il visitatore è invitato a scoprire come l'impegno del Regno Unito nell'intelligenza artificiale e nello spazio sta influenzando l'umanità. Ma è all'ingresso nel cono, avvolti da musica che include voci e suoni provenienti da tutto il mondo, che il visitatore diventa protagonista.
    "Stephen Hawking è deceduto nel 2018, prima di completare il progetto" di Breakthrough Message, "così il Padiglione del Regno Unito ha deciso di rendere omaggio a questa idea, chiedendo ai nostri ospiti una parola, con la quale verrà creata una poesia breve grazie all'intelligenza artificiale. La poesia verrà poi proiettata all'esterno dal padiglione", spiega una guida del padiglione britannico. "Dignità" è stata la prima di decine di migliaia di parole 'donate', che illuminano costantemente la facciata del padiglione grazie al lavoro dell'algoritmo utilizzato per creare le composizioni, 'addestrato' con 15.000 poesie di oltre 100 poeti britannici.
    Alla fine di Expo, le poesie saranno unite in una unica composizione da record, per realizzare la più lunga poesia della storia dell'umanità. "E tutti nostri ospiti ne faranno parte", sottolinea la guida del padiglione. Chi non ha la possibilità di visitare Expo 2020, può partecipare a un tour virtuale sul portale dedicato, mentre può leggere il 'messaggio collettivo' creato dai visitatori del padiglione, in continuo aggiornamento, alla pagina web https://www.events.great.gov.uk/website/3127/collective-message/ (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: