Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

T&E, emissioni zero nel 2040 per tre produttori di camion

La classifica alla vigilia del dibattito al Parlamento europeo

Redazione ANSA

Tre produttori di autocarri europei, insieme a Tesla e BYD, guidano la corsa globale dei marchi di autocarri alla propulsione elettrica o all’idrogeno. E’ quanto emerge dalla classifica stilata dalla Ong Transport & Environment. Mercedes-Benz Trucks, Scania e MAN mirano tutti al 100% di vendite a emissioni zero entro il 2040. Ma, avverte la Ong, quattro dei principali produttori europei – nell’ordine Volvo, Renault, Iveco e DAF – “sono molto indietro e rischiano di perdere quote di mercato rispetto ai concorrenti americani e cinesi. Per questo T&E chiede che gli standard di CO2 dei camion dell'UE vengano resi più stringenti.

La classifica arriva a pochi giorni dalla presentazione della relazione del deputato francese dei Verdi Yannick Jadot alla commissione Ambiente dell’Europarlamento. Jadot propone proprio di aumentare al 100% l'obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 di tutti gli autocarri nuovi, di fatto vietando la vendita di quelli a motore a combustione, dal 2040. La Commissione europea ha proposto che le emissioni medie di CO2 dei veicoli pesanti, rispetto ai livelli del 2019, dovrebbero diminuire del 45% dal 2030, del 65% dal 2035 e del 90% dal 2040 in poi. Ma secondo Jadot a "la proposta dovrebbe essere più ambiziosa" e "l'obiettivo di ridurre le emissioni degli autocarri del 100% entro il 2040 non solo è vantaggioso per l'ambiente, ma ridurrà anche il costo dell'utilizzo di questi autocarri per i trasportatori, con un risparmio di oltre 45mila euro per camion entro il 2040 oltre a mantenere più posti di lavoro in Europa".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: