Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ministri avanti sul piano di riforma del mercato elettrico, dividono i contratti per differenza

Via libera al regolamento trasparenza, fa discutere il ‘modello francese’

Redazione ANSA

I ministri dell’energia Ue hanno raggiunto un accordo sul nuovo regolamento per i mercati all’ingrosso dell’elettricità, che fa parte del pacchetto di riforma del mercato elettrico Ue. Nessuna intesa, però, sul provvedimento portante del pacchetto, che ridisegna l’attuale assetto del mercato secondo le lezioni apprese dalla crisi energetica del 2022.

Il Consiglio ha reso più chiari e rigorosi i requisiti per gli operatori di mercato nell'Ue che risiedono in un paese terzo, ha dato il via libera al potenziamento dell'Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia (ACER), che avrà un ruolo nelle indagini dulla violazione delle regole di trasparenza, sempre che lle autorità nazionali di regolamentazione non stiano già conducendo, o abbiano già condotto, un'indagine basata sugli stessi fatti. Le ispezioni in loco verrebbero effettuate in stretto coordinamento e in cooperazione con le autorità nazionali a determinate condizioni. Il Consiglio ha inoltre aggiunto flessibilità per quanto riguarda l'emissione di sanzioni amministrative da parte degli Stati membri.

Fumata grigia invece sul regolamento che costituisce la vera e propria riforma del sistema. La discussione si è arenata sui contratti per differenza per gli impianti esistenti. I nodi al pettine sono arrivati per il “principio di neutralità tecnologica” riconosciuto con ampi margini concessi nella proposta della Commissione alla applicabilità dei contratti per differenza non solo a fonti rinnovabili ma “a fonti non-fossili” e agli impianti esistenti. Una situazione che gli Stati hanno temuto potesse avvantaggiare la Francia e la sua industria. Una norma che, se non modificata, consentirebbe a Parigi, grazie al fatto che produce il 70% della sua elettricità dal nucleare (non-fossile) di mettere sotto contratto per differenza il parco reattori esistente, con i cittadini e le imprese francesi che potranno contare su elettricità a prezzo praticamente fissato dai contratti tra lo Stato francese e Edf, di proprietà dello Stato francese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: