Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Borrell, da Parigi-Berlino presto 120mila munizioni a Kiev

Borrell, da Parigi-Berlino presto 120mila munizioni a Kiev

Breton, sta agli Stati piazzare gli ordini

14 novembre 2023, 17:58

Redazione ANSA

ANSACheck

Borrell, da Parigi-Berlino presto 120mila munizioni a Kiev © ANSA/EPA

BRUXELLES - "Da Francia e Germania verranno 120mila munizioni per l'Ucraina nel 2023 e 2024 attraverso ordini specifici". Lo ha annunciato Josep Borrell nel corso della conferenza stampa al termine del Consiglio Difesa Ue, precisando che queste cifre sono "odierne" e che possono cambiare nel tempo. "C'è la possibilità tecnica di consegnare all'Ucraina 1 milione di munizioni entro il 2024", ha aggiunto.

Francia e Germania agiscono come Paesi guida all'interno di un consorzio di altri Paesi - sette in tutto - che hanno deciso di aggregare la domanda sulla base del secondo pilastro del piano munizioni europeo. Inoltre, sottolinea un alto funzionario europeo, se si tiene conto di "ulteriori svuotamento dei magazzini" e dei piani nazionali di ordini e consegne all'Ucraina, nell'ambito dei rimborsi del Fondo Europeo per la Pace o meno, si raggiungono "numeri significativi".

Alla riunione dei ministri della Difesa dell'Ue è stato fatto un punto "su dove siamo con il piano munizioni per l'Ucraina" aveva spiegato il capo della diplomazia europea al suo arrivo. "Vorremmo sapere quale sarà il ritmo per il secondo pilastro, ovvero la parte dedicata alla produzione", ha aggiunto. "Il settore della difesa europeo - ha sottolineato - lavora a pieno ritmo e il 40% della produzione va all'estero quindi forse ora bisogna ridirezionare la produzione verso la priorità, che è l'Ucraina".

"Sono gli Stati membri che devono passare gli ordini all'industria bellica e che devono indirizzare prioritariamente gli ordini all'Ucraina, non la Commissione. Invito a farlo rapidamente". Lo ha detto Thierry Breton, Commissario europeo per il Mercato Interno.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.