Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rifiuti: Calabria, Cc bonificato 20 discariche abusive su 22

Mancato intervento aveva causato procedura infrazione dell'Ue

Redazione ANSA

BRUXELLES, 13 FEB - In Calabria sono state bonificate venti discariche abusive sulle 22 che erano presenti nella lista di impianti di rifiuti solidi urbani che causò all'Italia nel 2014 un procedura d'infrazione Ue. In tutto, in Italia, sono 71 su 84 le discariche abusive menzionate dal testo di notifica e bonificate dal Commissario unico alle bonifiche, il generale dei carabinieri Giuseppe Vadalà. A renderlo noto sono i dati pubblicati dall'arma dei Carabinieri.

A causa dell'infrazione l'Italia ha iniziato il 2 dicembre 2014 a pagare all'Unione europea una sanzione di 42.800.000 euro ogni sei mesi, con un meccanismo che prevedeva, come prima ratio, una sanzione decrescente diversificata di 200.000 euro per ogni sito di rifiuti soldi urbani bonificato o messo in sicurezza e di 400.000 euro per i siti di rifiuti speciali. Oggi, dopo 14 semestralità di penalità complessive, di cui le prime quattro curate dagli Uffici del Ministero dell'Ambiente e le ultime 12, dal 24 marzo 2017, curate dal Commissario, la sanzione, dagli iniziali 42.800.000,00 euro, è attualmente di 5.000.000 euro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: